Il SudEst

Monday
Jan 27th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sport Forum

Forum

Fukushima, “unica opzione è smaltire l’acqua radioattiva nell’Oceano Pacifico”

Fukushima, “unica opzione è smaltire l’acqua radioattiva nell’Oceano Pacifico”

di NICO CATALANO

“Ancora una volta l’ecologia deve subire il primato dell’economia”


Leggi tutto...
 

La politica ostaggio delle nevrosi di alcuni

Convergenza Socialista

"Mettiamola così. Renzi esce da un partito moderato, liberista, centrista come il PD per avviarsi alla costituzione di un nuovo partito moderato, liberista e centrista. La motivazione è che nel PD ha chiuso il suo ciclo di leadership, definitivamente”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale di Convergenza Socialista.

Leggi tutto...

Premiazione “Lucchesi che si sono distinti all’estero” Anno 2019

di FRANCESCA SARGENTI*

Si terrà venerdì 13 settembre, alle ore 16:00, nella Sala Ademollo di Palazzo Ducale a Lucca, la tradizionale cerimonia di premiazione dei “Lucchesi che si sono distinti all’estero”.

Nel corso della lunga storia emigratoria dei lucchesi sono spesso emersi personaggi importanti e famosi, sia durante il lungo periodo della Repubblica Lucchese, sia dopo l’Unità d’Italia, e ciò continua anche oggi, ed è per questo che nel 1970 su iniziativa della Camera di Commercio e dell'Associazione Lucchesi nel Mondo, è nata l’idea di un riconoscimento ai Lucchesi che si sono distinti all’estero, e questa mattina presso la sede di Corte Campana il presidente della Camera di Commercio, Giorgio Bartoli, e il presidente dell'Associazione Lucchesi nel Mondo, Ilaria Del Bianco hanno presentato coloro che saranno premiati venerdì 13 settembre a Palazzo Ducale.

Come è stato sottolineato nel corso dell’incontro, il premio è il riconoscimento per quei conterranei che, operando nel campo dell'imprenditoria e del lavoro, delle professioni, della cultura e del volontariato, hanno contribuito alla crescita economica e sociale dei Paesi di accoglienza, tenendo alto il nome di Lucca e della sua provincia. I lucchesi nel mondo sono anche un importante punto di riferimento per le aziende della nostra provincia.  Un punto di riferimento che nasce dai vincoli che legano Lucca ai propri figli all'estero e ai loro discendenti. Un sentimento favorito ed alimentato dalla presenza organizzata dalle nostre comunità all'estero.

Quest’anno la giuria ha deciso di assegnare il Premio Martinelli, riconoscimento per specifici meriti nell’ambito sociale e della solidarietà, all’artista Cristina Finucci, nata a Lucca nel 1956, originaria di Casabasciana (Bagni di Lucca), artista, architetto e fondatrice del Garbage Pacth State. Il presidente Mattarella le ha conferito l’Ordine al merito della Repubblica per l’impegno artistico e ambientale.

Durante la cerimonia saranno anche consegnati i premi ai vincitori del Concorso a premi riservato agli allievi delle classi terminali delle Scuole Secondarie di primo e secondo grado indetto da UNAIE Unione Nazionale delle Associazioni di Immigrati ed Emigrati, per favorire un momento di riflessione sull’attuale spinta alla mobilità che caratterizza il Sud del Mondo ed anche il nostro Paese.

Riceveranno il primo premio il Gruppo della Classe 4 CL dell’Istituto di Istruzione Superiore Chini Michelangelo. Inoltre, riceveranno la menzione d’onore l’alunna Emiliana Kaci del Liceo Artistico A. Passaglia e il gruppo della classe 4 BSU dell’Ist. Superiore Chini Michelangelo.

Leggi tutto...

Si aggredisce per paura e non per coraggio

Si aggredisce per paura e non per coraggio

di CARMELA BLANDINI

Solo chi è profondamente antifascista è veramente libero.

Leggi tutto...

Lettere al Direttore/ nei mesi scorsi anche Giuseppe Conte ha legittimato Matteo Salvini

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Caro direttore, Marco Travaglio ha dedicato un corsivo all’esaltazione della figura di Giuseppe Conte. Secondo lui: «Conte, a dispetto della doppia propaganda leghista e sinistrista, non è uomo dell’establishment né del vecchio centrosinistra. È l’interprete più apprezzato di un populismo-sovranismo dal volto umano che ottiene risultati in Italia e in Europa, diversamente da quello parolaio, inconcludente e dannoso delle destre. Perciò, oltreché per capitalizzare i sondaggi e liberarsi delle indagini, Salvini ha rovesciato il governo: Conte stava crescendo troppo per lasciargli altro campo libero da fiore all’occhiello del M5S. È lo stesso timore che anima Zingaretti e Renzi, divisi su tutto fuorché sull’ostilità a Conte, tanto comprensibile per ragioni di bottega quanto miope per gli interessi dell’Italia: se mai nascesse un governo M5S-Pd, l’unica speranza di renderlo popolare sarebbe di affidarlo all’“avvocato del popolo”» (Chi ha paura di Conte; Il Fatto Quotidiano, 21/8/2019). Non sono d’accordo. Nonostante lo scatto d’orgoglio che lo ha portato a fare un ottimo discorso in Senato Giuseppe Conte non può essere considerato immune da colpe. Col suo ruolo di primo ministro del governo M5S-Lega ha legittimato un patto di governo che ha sdoganato e poi fatto crescere nei consensi popolari un nemico della democrazia come Matteo Salvini. Nei mesi scorsi sono state poche, molto poche le occasioni in cui Conte ha tirato fuori la grinta per contestare l’aggressività di Salvini, soprattutto per quanto riguarda la politica migratoria. Non me la sento di criticare Zingaretti se, superando una prima, deludente richiesta di andare alle urne, adesso dice di essere pronto a prendere in considerazione l’ipotesi di un governo con i Cinque Stelle a patto che esso si basi su una evidente discontinuità sia negli uomini che nei programmi.

Cordiali saluti

Franco Pelella – Pagani (SA)

Salvini out, lo spread va giù

di SIMONE DEL ROSSO

Nella settimana decisiva per la risoluzione della crisi di governo, con l’incremento delle quotazioni a favore di un governo M5S-Pd e, contestualmente, con il

Leggi tutto...

Il Partito Comunista Americano (CPUSA): una sinistra possibile?

di MADDALENA CELANO

Nostra intervista a Joe Sims: copresidente CPUSA

 

Leggi tutto...
Pagina 8 di 20