Il SudEst

Sunday
Jan 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sport Sport Calcio, Serie D: Il Nardò a Fasano col dente avvelenato

Calcio, Serie D: Il Nardò a Fasano col dente avvelenato

Email Stampa PDF

 

 

 

di FRANCO LISI

La squadra proletaria di mister Laterza continua a giocare divertendosi e dimostrando che il vero valore di un team è l’affiatamento. Il Fasano, infatti, a Foggia ha mancato la vittoria per un soffio pur con una formazione ampiamente rimaneggiata per assenze dovute a infortuni e a una squalifica. Ciò sta a significare che non vi sono “primi violini” ma tutti suonano all’unisono la musica voluta dal mister: chi va in campo sa  cosa fare. Da qui scaturisce quel gioco brillante e travolgente che sta aumentando i  consensi ai biancazzurri chei non si trovano per caso nelle zone alte della classifica. Domenica scorsa il Fasano ha messo veramente nei guai la capolista che pure vanta individualità di notevole spessore. I dauni, che soltanto all’ultimo minuto hanno agguantato il pareggio (2-2), sono stati travolti dalla briosità dei fasanesi fino al punto da perdere la calma e incorrere in pesanti sanzioni disciplinari: 4 giornate all’attaccante Tedesco, un’ammenda da 1500 euro per le intemperanze dei tifosi, interdizione fino al 29 gennaio per il dirigente Diego Valente e una giornata a porte chiuse dello Zacheria.


LA PROSSIMA. IL Fasano ospiterà il Nardò che nel girone di andata aveva superato con una rete messa a segno dal fasanesissimo Leo Serri. Ora, i neretini, al “Vito Curlo” tenteranno il tutto per tutto anche perché seriamente invischiati nelle zone di bassa classifica.

Altri derby pugliesi da seguire sono  Cerignola- Andria e Taranto-Casarano . Nel capoluogo jonico  è stato vietato l’accesso allo “iacovone” per i tifosi della provincia di Lecce.

Nella foto di Di Biase, allo “Zacheria” di Foggia,  Tato  Diaz  mette a segno la sua personale doppietta.