Il SudEst

Thursday
Nov 15th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sociale Sociale Giornalisti uccisi dalla mafia. Apparentemente

Giornalisti uccisi dalla mafia. Apparentemente

Email Stampa PDF

 


di PIERDOMENICO CORTE RUGGIERO

Vivere in terra di mafia, non è facile. La mafia si regge sulla paura e sul silenzio. Ed è dura vivere nella paura e nel silenzio. Ancora più dura per un giornalista, che deve avere il coraggio di scovare la notizia e raccontarla. Di rompere il silenzio. Facile, quindi, per un giornalista diventare un bersaglio della mafia. Non è un caso, se la mafia ha ucciso diversi giornalisti. O meglio apparentemente è stata la mafia. Perché apparentemente? Per prima cosa dobbiamo chiarire cosa è la mafia. Non è semplicemente un gruppo di delinquenti assassini guidati da boss sanguinari. La mafia è inserita in un contesto di potere occulto, dove trovano posto politici, imprenditori, appartenenti ad apparati dello Stato. La mafia è braccio armato di questi centri di potere. Blocca e condiziona l'azione dei sindacati, impedisce la libera concorrenza, garantisce un numero elevato di voti che possono condizionare le elezioni, fornisce uomini e armi per operazioni segrete, assicura il controllo del territorio. Appena finita la Seconda Guerra Mondiale, la mafia ha sostituito il fascismo nel ruolo di guardiano armato degli interessi di centri di potere occulti e non. Molti magistrati ed investigatori, sono stati uccisi proprio quando stavano arrivando ai partner occulti della mafia. Stessa sorte è toccata ad alcuni giornalisti. Come a Cosimo Cristina, trovato morto nel 1960 sui binari a Termini Imerese. Il caso viene archiviato, come suicidio, ma i dubbi sono tanti. Cristina scriveva per “Prospettive Siciliane” ed era specializzato nelle indagini sulla mafia. Curioso poi che le modalità della morte di Cristina sono simili a quelle dell'omicidio di Peppino Impastato nel 1978. Perché la mafia per uccidere Impastato e forse Cristina, costruisce un falso suicidio? Perché non la solita scarica di fucile? Forse perché le indagini avrebbero condotto ad uno scenario diverso da quello mafioso? Ed è un caso che Impastato venga ucciso a poche ore dalla dal ritrovamento del corpo di Aldo Moro? Mauro De Mauro è un giornalista capace, scomparso nel nulla il 16 settembre 1970. Il suo corpo non è stato trovato. Tante ipotesi sulla sua morte. Forse legata alla sua indagine sulla morte di Enrico Mattei, o forse legata ad un traffico di droga che aveva scoperto, o forse è stato ucciso perché era a conoscenza del misterioso golpe Borghese previsto per dicembre 1970. Bravo giornalista era anche Giovanni Spampinato, ucciso nel 1972, il suo assassino è stato condannato. Rimangono dubbi sul movente. Spampinato stava indagando su gruppi neofascisti legati alla mafia e campi paramilitari. Mario Francese era uno dei migliori narratori di mafia. Un giornalista di razza. Il primo che aveva raccontato che la mafia si arricchiva con gli appalti pubblici, con la complicità di certa politica. Anche Francese era arrivato a toccare un livello superiore alla mafia. E viene ucciso nel 1979 da Leoluca Bagarella. Anche Giuseppe Fava era un buon giornalista, rivela i nomi degli imprenditori catanesi legati alla mafia. Fava intuisce e racconta la criminalità in giacca e cravatta che si nasconde dietro la mafia. Viene ucciso nel 1984 su ordine di Nitto Santapaola. Mauro Rostagno è il conduttore di un programma televisivo, in cui denuncia le collusioni tra mafia, politica, servizi segreti deviati. Rostagno scopre strane partenze di aerei da trasporto da un aeroporto militare abbandonato in Sicilia. Probabilmente un traffico di armi verso la Somalia. Rostagno viene ucciso nel settembre 1988. Giuseppe Alfano non ha la tessera di giornalista, ma scrive di mafia come pochi. Anche lui rivela le collusioni tra politica, imprenditoria e mafia, nel messinese. Viene ucciso da mano ignota l'8 gennaio 1993. Da questa breve analisi, appare evidente che molti lati poco chiari, restano negli omicidi di questi coraggiosi giornalisti. Appare chiaro, anche, che dietro la formula “ucciso dalla mafia” si nasconde altro. Personaggi che vivono da sempre nell'ombra, abituati al buio delle coscienze, che una volta portati alla luce dall'azione coraggiosa di questi martiri del giornalismo, hanno spento la luce della verità nell'unico modo che conoscono. Dispensando morte.

 

 

 

Credit foto www.lafragolanapoli.it

 

Chi è malato terminale oltre ad assumere i farmaci salvavita, passati in esenzione, spesso deve assumere medicinali comuni per mitigare gli effetti collaterali delle cure e della malattia. Laura chiede che i malati terminali possano godere dell'esenzione non solo sui farmaci salvavita ma anche su tutti gli altri medicinali.









Petizione diretta a Giulia Grillo

Giulia Grillo: Esenzione non solo per farmaci salvavita per malati oncologici











Chi è malato di cancro assume medicinali specifici per la cura di questa malattia, chiamati farmaci salvavita e passati in esenzione dal sistema sanitario nazionale. Tuttavia molti sintomi collaterali sia della malattia, che di questi farmaci (es. Chemioterapici o altri) necessitano l'assunzione spesso massiccia di altri medicinali più comuni, come antidolorifici, antipiretici, ecc. che il malato paga a prezzo pieno, con spese notevoli.

Chiedo che chi è affetto da patologie tumorali o chi è malato terminale possa essere esentato dal pagamento di ogni medicinale, essendone l'uso comunque direttamente collegato alla malattia in corso.

Normal 0 false 14 false false false IT X-NONE X-NONE