Il SudEst

Saturday
Sep 22nd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sociale Sociale Stiamo con i braccianti di Puglia

Stiamo con i braccianti di Puglia

Email Stampa PDF

Petizione promossa da Vazapp

Le strade e le campagne pugliesi nelle ultime settimane si sono bagnate del sangue innocente di chi ogni giorno lavora nei campi. Firma questo appello per dare speranza a quei braccianti che lavorano con fatica e che rischiano la vita: rendiamo quelle mani patrimonio dell'Umanità.

Petizione diretta a Franco Bernabè, Giuseppe Conte, Alberto Bonisoli, Audrey Azoulay

Vogliamo le mani dei braccianti patrimonio immateriale dell’Umanità @BonisoliAlberto @ItalyatUNESCO


Gli episodi dei giorni scorsi hanno acceso i riflettori su un settore, quello dell'agricoltura, e su una terra, quella della provincia di Foggia, che ricevono per lo più attenzione per eventi spiacevoli. Noi giovani di questa terra vogliamo dare un segnale di speranza per le persone che la lavorano e la amano. Da qui l’idea di dare luce alle persone che, con fatica, raccolgono e producono il cibo che tutti mangiamo. Vogliamo che le mani dei braccianti e dei contadini di Capitanata diventino patrimonio dell’umanità! Vogliamo dare dignità e riconoscenza a chi ogni giorno lavora la terra, a chi la rende fertile, a chi la ama e la benedice.

L’Italia è un popolo di poeti, navigatori, santi, contadini e braccianti: la terra per eccellenza del cibo buono e bello. Come sono belle le mani di chi raccoglie, di chi accarezza, di chi zappa e di chi feconda la terra. Sono mani dove è scritto un sapere antico, che si tramanda da generazioni, mani che hanno maturato un’esperienza che è diventata sapienza. Mani segnate dal vento, dall'acqua e dal freddo, mani impastate di terra e di sole. Le mani sono il simbolo del lavoro nei campi. La mano di un contadino e di un bracciante la riconosci subito: è imperfetta, piena di calli ed è indurita dalla fatica. Dietro quelle mani ci sono storie che hanno visto mondi vicini e lontani, storie di vita che hanno bisogno di dignità.

Chiediamo al Presidente della Repubblica, al Capo del Governo, al Ministro delle Politiche agricole, al Ministro della Cultura, ai Presidenti delle Associazioni di categoria tutte e delle Associazioni datoriali, ai segretari di partito, un incontro per lavorare insieme al fine di far diventare le mani dei braccianti e dei contadini di Capitanata patrimonio immateriale dell’umanità UNESCO e di istituire il giorno dei braccianti e dei contadini.

Il popolo italiano può dare un segnale di speranza alle giovani generazioni. L’Italia può scegliere di combattere il male con la bellezza, con gesti di attenzione a chi domani, per amore della propria terra, della propria famiglia e del proprio lavoro, si alzerà presto per continuare a produrre e a raccogliere il cibo che, ancora una volta, ritroveremo sulle nostre tavole.