Il SudEst

Tuesday
Oct 16th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sociale

The News

Scorie nucleari: in Basilicata meno propaganda e più impegno per il territorio

Scorie nucleari: in Basilicata meno propaganda e più impegno per il territorio

Associazione Scanziamo le scorie

Ai rifiuti radioattivi presenti nel centro della Trisaia di Rotondella (MT) la politica Lucana deve rivolgere più impegno al fine di completare le attività di bonifica ed allontanare le barre di combustibile di origine americana. A pochi giorni del XV anniversario della civile protesta di Scanzano contro l’idea di realizzare un deposito nazionale delle scorie nucleari abbiamo deciso di rilanciare il monito verso i nostri rappresentanti politici ritenendo necessario aumentare l’attenzione nei confronti del “bubbone nucleare” ma soprattutto intervenire per evitare di compromettere la crescita e lo sviluppo delle economia presenti sul territorio.

E’ urgente completare i lavori di messa in sicurezza e di bonifica. I ritardi delle attività da parte di Sogin continuano. L’Ispettorato per la sicurezza che deve controllare e autorizzare queste attività ha iniziato le sue funzioni solo nel mese scorso ed è dotato di poco personale che in parte in fase di pensionamento. Lo stesso che deve autorizzare il progetto per la costruzione dei cask necessari per mettere in sicurezza il combustibile presente nella piscina prima di essere allontanato. Nonostante la lunga fase aperta dopo le giornate di Scanzano l’Italia è in procedura di infrazione europea perché non ha ancora un programma nazionale. Siamo senza una strategia complessiva che indichi chiaramente quale siano le scelte rispetto alla necessità di realizzare un deposito nazionale. Compreso anche il materiale di alta attività che a nostro parere, considerate le scarse quantità presenti sul territorio nazionale e quelle già inviate all’estero, potrebbe essere allocato attraverso l’apertura di relazioni diplomatiche del Governo verso altri Stati.

Leggi tutto...
 

50 vittime di omofobia al giorno, ma su 40, solo uno di loro ha il coraggio di denunciare

50 vittime di omofobia al giorno, ma su 40, solo uno di loro ha il coraggio di denunciare

 


di FRANCESCA CARBONI

Pi ù di 50 vittime di omofobia al giorno. Oltre 20 mila chiamate nell'ultimo anno da tutta Italia. E 3.200 sono ragazzini minorenni. Tra i 12 ed i 25 ...

Leggi tutto...

Le stese di camorra, segnali di un male dimenticato

Le stese di camorra, segnali di un male dimenticato


di PIERDOMENICO CORTE RUGGIERO

Da molti mesi l'attenzione italiana è rivolta verso il Mar Mediterraneo.

Leggi tutto...

Alla ricerca degli animali protagonisti delle favole di Esopo

Alla ricerca degli animali protagonisti delle favole di Esopo

 


di SILVIO VIVONE RUBENS*

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Sibari

 

Cassano allo Ionio (Cosenza) 14 ottobre 2018

Leggi tutto...

Scuola di politica targata “Confini al Centro”: lezioni aperte al polo “Ex Fienile”

Scuola di politica targata “Confini al Centro”: lezioni aperte al polo “Ex Fienile”

Associazione 21 Luglio Onlus

Partirà ad ottobre, nel cuore della periferia romana, il primo ciclo di lezioni aperte alla cittadinanza, all’interno della Scuola di Politica...

Leggi tutto...

La strage di Esperia, l'inutilità di ogni perché

La strage di Esperia, l'inutilità di ogni perché

 


di PIERDOMENICO CORTE RUGGIERO


Un padre entra nella stanza dove stanno dormendo il figlio e la figlia.

 

Leggi tutto...

Malattie di massa e alimentazione

Malattie di massa e alimentazione

di MADDALENA COVIELLO

Il piccolo produttore come garanzia e incentivo alla crescita economica

Leggi tutto...
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 5