Il SudEst

Thursday
Jun 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Legalità Gioco d’azzardo, serve un’opposizione forte alla proposta Baretta

Gioco d’azzardo, serve un’opposizione forte alla proposta Baretta

Email Stampa PDF

Redazionale

Un documento della Uil Puglia

“Il gioco d’azzardo è una piaga della società moderna, che non deve essere incentivata, ma che al contrario va combattuta con ogni mezzo a disposizione”.

E’ l’appello del Segretario generale della UIL di Puglia, Aldo Pugliese, al governatore della Regione Puglia Michele Emiliano.

“Il presidente ha fatto bene a dichiarare la propria netta opposizione alla proposta Baretta: sarebbe assurdo, infatti, aumentare le tasse nei confronti degli operatori del settore giochi e, contestualmente, estendere la possibilità di installare nuove sale slot e centri scommesse. Il gioco d’azzardo, oltre a ridurre sul lastrico tante famiglie, tanti cittadini e tanti lavoratori, rappresenta una spesa enorme, in termini sanitari, per la Regione Puglia, che è costretta ad affrontare le drammatiche conseguenze della ludopatia. Combattere il gioco d’azzardo è un dovere delle istituzioni locali, perché significa non solo sradicare un cancro sociale e, spesso evitare infiltrazioni malavitose, ma anche, appunto, tutelare la salute psico-fisica dei cittadini”.

“La Regione Puglia – conclude Pugliese – deve svolgere appieno il proprio ruolo di contrasto all’espansione del gioco d’azzardo, per non abbandonare al proprio destino i sindaci del territorio che in questi anni, a suo di delibere e di atti concreti, con la collaborazione del mondo associazionistico e delle forze sociali, hanno messo la faccia per debellare la piaga delle slot”.