Il SudEst

Monday
Aug 20th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Legalità Gli italiani amano la pasta sempre di più

Gli italiani amano la pasta sempre di più

Email Stampa PDF

Unione Italiana Coltivatori

Per gli italiani conta comunque il gusto, segue la tenuta in cottura (9,2) e il fatto che non si rompa durante la bollitura rilasciando troppo amido (9).

Alla pasta non si dice di no. Gli italiani la mangiano in media circa 5 volte a settimana, secondo una ricerca Doxa-Aidepi, l'Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane. L’organizzazione ha indagato i fattori chiave della qualità percepita della pasta, in occasione dei 50 anni di vita della cosiddetta 'legge di purezza sulla pasta', normativa varata nel 1967 (580/67) che stabilisce quei parametri di qualità che permettono alla pasta italiana di essere sempre la migliore al mondo.

Non solo, ma i veri fan della pasta stanno spostando il loro baricentro geografico verso il Centro Italia, mentre il primato prima era nel Sud e nelle Isole, dove il 45% - soprattutto uomini - mangia la pasta tutti i giorni. Allo stesso tempo, una percentuale analoga, 46%, non solo ama la pasta e la consuma regolarmente, ma la considera come l'alimento preferito, per ragioni di gusto o di salute.

Sì, ma come scegliamo la nostra pasta, in base a cosa lo facciamo? Gli italiani mettono al primo posto il fatto che la pasta resti al dente e tenga bene la cottura (77%), poi è importante sia fatta con grano di qualità (68%) e infine che si leghi perfettamente al sugo giusto (60%). Se interrogati su origine (italiana) del grano, qualità del grano (indipendentemente dall'origine) e saper fare dei pastai, i nostri connazionali si confondono un po' e mettono tutti e tre fattori più o meno allo stesso livello, con voti (da 1 a 10) che vanno da 8,4 a 8,9 per ciascuno dei 3 fattori.

Quanto al tipo, la pasta liscia 'perde' 66 a 8. Per una quota minoritaria (17%) la tipologia conta e perciò sono disposti a puntare su pasta liscia o rigata in base alla ricetta. I fan della pasta rigata sono in particolare donne (35-54 anni) che vivono nel Centro Italia o nel Nord-Est. Se 1 italiano su 3 ritiene che il rapporto esistente tra prezzo e qualità sia costante (più costa più è buona), il 41% dice di non percepire grandi differenze e il 22%, addirittura, di trovare più buona quella che costa meno.

Per gli italiani, prima di ogni altra cosa, conta comunque il gusto (voto 9,4 su 10). Segue la tenuta in cottura (9,2) e il fatto che non si rompa durante la bollitura rilasciando troppo amido (9). Per altri è importante l'origine italiana del grano con cui è fatta (9) o, più semplicemente, il fatto che sia italiana l'azienda che la produce (8,9). Infine, la pasta deve essere in grado di trattenere bene il sugo (8,9).