Il SudEst

Saturday
Nov 17th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta Inchiesta Lo Stato cileno continua a violare i diritti all’infanzia dei Mapuche

Lo Stato cileno continua a violare i diritti all’infanzia dei Mapuche

Email Stampa PDF

di ECO MAPUCHE

I bambini Mapuche crescono nel terrore dei raid quotidiani della polizia che violano i loro diritti e molte volte vengono feriti

Nuovamente i diritti del popolo mapuche si giocano nei tribunali. In particolare se hanno a che vedere con la vita di bambini e bambine. Com’è successo ad un bambino di 14 anni, ferito alla gamba con i colpi di un fucile in un raid  notturno a casa sua nel nominato WallMapu o pais mapuche. I suoi genitori e fratelli sono stati anche loro picchiati, ma non sono saltate fuori mai le armi che cercavano la polizia.

Hanno presentato ricorso per avere protezione,  pensando anche di ricorrere ai tribunali internazionali, dove il Cile è stato già sanzionato per atti simili in reiterate occasioni.

A tutto questo si aggiunge il caso dalla studentessa Fabiola Antiqueo che ha perso un occhio dietro l'impatto di una bomba lacrimogena. I raid polizieschi notturni sono costanti nei territori mapuche in disputa, e ci sono sempre bambini feriti.

Le decine di casi di violenza contro l'infanzia mapuche perpetuano il conflitto secolare  di questo popolo con lo Stato cileno.

IL TESTO E’ LA TRADUZIONE DI QUESTO ARTICOLO-VIDEO

Leonel Retamal, Santiago. Hispantv Chile

https://www.facebook.com/prensaopal/?fref=nf