Il SudEst

Thursday
Jan 17th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta Inchiesta Colombia: militari e paramilitari infliggono torture crudeli alle donne

Colombia: militari e paramilitari infliggono torture crudeli alle donne

Email Stampa PDF

 


di MADDALENA CELANO

Il risultato di un rapporto del Centro della Memoria

Martedì scorso è stato diffuso il documento Planas Vereda de Puerto Gaitan 'violenza paramilitare in Altillanura: Self-Defense Forces of Meta and Vichada Campesino', che racconta l'origine e le azioni dei gruppi paramilitari in questi dipartimenti.

Un esempio lo offre Sandra: era una delle donne cui piaceva giocare a biliardo, ballare e lavorare in una mensa a Puerto Gaitán, Meta.

Una notte, un giovane uomo in motocicletta diede a Sandra una lettera che la informava che il giorno dopo si sarebbe dovuta far vedere sul ponte del fiume Manacacías (era una minacciadi morte). Il rapporto nota che tutte le donne che si dedicavano alle stesse attività e che uscivano per divertirsi senza paura ricevevano la stessa lettera. Una volta che l'ACMV (gruppo paramilitare contadino) ha preso il controllo, ha notato che i casi di violenza di genere hanno iniziato a intensificarsi.

In Colombia, intere popolazioni sono state etichettate come guerrigliere, paramilitari o addirittura collaboratrici dell'esercito, per le quali sono diventate un obiettivo militare dei gruppi armati. Massacri, omicidi selettivi e femminicidi sono stati commessi in conformità a queste accuse.

Un elemento che riflette la violenza esercitata sulle popolazioni stigmatizzate sono stati i ricorrenti massacri che hanno terrorizzato intere regioni e prodotto enormi spostamenti di vittime in fuga dalle minacce. Molti di questi crimini sono stati giustificati dai gruppi armati, che hanno rilevato gli abitanti di alcuni comuni come aiutanti dei loro nemici.

Ad esempio, durante l'espansione paramilitare della metà degli anni '90, intere città, in diverse zone del paese, sono state rase al suolo con il pretesto che i loro abitanti fossero collaboratori della guerriglia. In molte di queste regioni, con l’abbandono permanente dello Stato, i gruppi sovversivi godettero di lunga presenza che li aveva portati a esercitare il controllo delle attività sociali ed economiche, compreso il traffico di droga.

Così, quando i paramilitari arrivarono in questi municipi massacrando la popolazione, usarono lo stigma per giustificare se stessi, sebbene in realtà volessero diventare l'attore armato dominante nella zona..

"Nel caso di aree dominate dai guerriglieri, ci si aspettava che il sopravvissuto capisse il messaggio che l'attore armato stava dichiarando: questo è il costo che devi pagare se non cambi la tua lealtà", spiega Andrés Suárez, un sociologo l'Università Nazionale, autore di numerose indagini accademiche relative ai massacri nel conflitto in Colombia.

Il rapporto Ya Basta, del Centro Nazionale per la Memoria Storica, CNMH, affronta le forme e le conseguenze della stigmatizzazione. Comunità come quelle di Remedios, Segovia, El Salado, El Tigre, San Carlos e Comuna 13, per esempio, sono state identificate dagli autori come guerrigliere o comunità paramilitari. Per molto tempo, il rischio e il rifiuto di questo stigma impedirono loro di viaggiare liberamente attraverso il territorio e di iscrivere i loro figli nelle scuole, perciò si stabilirono in nuovi quartieri o municipalità. In vista della lunga lista di omicidi di leader sociali, diverse organizzazioni hanno espresso preoccupazione per l'arrivo di attori armati nelle aree in cui erano presenti le FARC, soprattutto nei luoghi in cui si trovano le cosiddette zone di concentrazione.

Maribel Ceballos, residente a Vista Hermosa, dice che i paramilitari giungono accusando molte persone nella città di essere un aiuto alle FARC. "Mio marito, Pedro Octavio Franco, era un funzionario del sindaco di Vista Hermosa. Non appena il processo di pace è finito, ha ricevuto una minaccia telefonica. A quel tempo, quando la zona smilitarizzata stava per finire, tutti i funzionari pubblici in questi comuni diventavano obiettivi militari. Il 7 maggio 2002 è andato a Bogotá per una commissione di lavoro e non è più tornato ", afferma Ceballos.

La memoria e la verità sono sempre minacciate

Martedì scorso, il Centro Nazionale di memoria storica (CNMH) presenta il rapporto "violenza paramilitare in Altillanura: Self-Defense Forces of Meta and Vichada Campesino".

Questo documento descrive la brutale violenza che questi gruppi hanno esercitato in questi dipartimenti per 15 anni. La violenza più utilizzata contro le donne consisteva nell'applicare di una forma di pulizia sociale, attacchi che colpivano il 61% delle vittime in quei territori. Omicidi selettivi (39%), sparizione forzata (37%), tortura (22%), lesioni personali (10%), violenza sessuale (6%) e rapimento (6%).

La verità: faccia a faccia!

Una delle più crudeli umiliazioni verso le donne includeva la rasatura della testa delle teste o persino il fatto di camminare nude attraverso le aree urbane.

Vi sono accuse che Guillermo Torres (un capo paramilitare) abbia reclutato delle ragazze dalla scuola, di fronte ai loro genitori, e le abbia prese per fare sesso e svolgere lavori come cucinare, lavare e lavorare nei laboratori di coca.

Inoltre, le donne che facevano parte dell'ACMV sono state anche vittime di duro trattamento all'interno dell'organizzazione. Molte sono state sottoposte a stupro se si rifiutavano di fare sesso con un partner o se semplicemente sorridevano ad altri uomini.

L'ACMV ha inoltre tentato di combattere la comunità LGBTI accusandola di voler corrompere l'ordine sociale. Un ex membro ha raccontato come fossero trattati gli omosessuali. "Non hanno fatto casino con queste persone, ma quando scoprono che si è malati o che sono stati contagiati da una malattia sessuale, li uccidono".

Ha anche rilevato che hanno ricevuto testimonianze di massa, il cui numero ammonta a 18.000 testimonianze di paramilitari.

I gruppi di autodifesa contadini esistevano tra il 1990 e il 2004, ma ebbero antecedenti un decennio prima, compresi i tardi anni '70, ed erano articolati da gruppi provenienti da ovest di Boyacá.

Non bisogna trascurare che nel contesto vi è stata un'azione delle FARC e la collaborazione di paramilitari con forza pubblica. Il comitato del National Memory Center si è recato a Villavicencio, dove ha presentato questo rapporto in un evento più ampio, lo scorso mercoledì presso l'Universidad de los Llanos.

Un caso di stigma: Icononzo

Icononzo si trova a 123 chilometri a sud-ovest di Bogotá. È un comune di Tolima che, come molte altre città, non è sfuggito alla guerra e i suoi abitanti hanno subito lo stigma di essere identificati come guerriglieri. A causa della connotazione storica, le aree circostanti Sumapaz, come Icononzo, erano considerate guerrafondaie e comuniste.

Dalla fine degli anni '40 il Partito Comunista, sotto la guida della guerriglia Juan de la Cruz Varela, prese le armi in quella zona del paese per combattere il governo dell'ex presidente Mariano Ospina Pérez per la rivendicazione del diritto alla terra. Varela sosteneva che i contadini avevano il diritto alla propria terra e di non lavorare su terreni appartenenti ad altri grandi proprietari terrieri. In quel periodo nacquero i primi gruppi di autodifesa contadini di Icononzo e Villarrica.

Il passaggio attraverso Sumapaz fu essenziale per l'espansione di questa guerriglia. In questa zona, gli scontri con l'esercito aumentarono al punto che più di 2000 contadini di Icononzo e Villarrica dovettero trasferirsi in altre zone del paese.

Nel 1953 Juan de la Cruz Varela accettò l'amnistia concessa dal dittatore Gustavo Rojas Pinilla. Tuttavia, Icononzo e Villarrica si dichiararono aree di operazione militare a causa della loro forte influenza comunista e gli scontri continuarono fino al 1957 quando Varela decise di sedersi per negoziare con il governo e si ritirò completamente dagli scontri. Dopo la fine della dittatura di Rojas Pinilla, il governo del presidente Alberto Lleras Camargo ha offerto una seconda amnistia ai guerriglieri di quella zona e di altri luoghi del paese.

Quando Marulanda Vélez alias "Tirofijo" e altri guerriglieri fondarono la Farc, ereditarono le basi ideologiche e le forme di lotta dei guerriglieri comunisti del passato.  Diversi capi guerriglieri nacquero a Icononzo, come Jorge Briceño, alias "Mono Jojoy". Sin dai tempi de La Violencia, Icononzo è stato stigmatizzata per essere una città di guerriglia. Molte volte i suoi abitanti non potevano dire di essere venuti da lì perché erano rifiutati o messi a rischio per la loro vita.

Ma nonostante quello che dice lo stigma, Icononzo è stato vittima della violenza da guerriglia. Nel 1980 i guerriglieri dell'M-19 presero la popolazione, attaccarono il Comando di polizia e derubarono alcune banche. Diciannove anni dopo, nel 1999, sette guerriglieri furono uccisi dai guerriglieri dal fronte XXV del Blocco Centrale delle Farc.

Diversi abitanti del comune affermano di essere stati vittime delle Farc che per oltre quaranta anni sono stati presenti in quel comune.

Lo stigma di essere una città di guerriglieri finì per giustificare la violenza paramilitare della fine degli anni 90. Gli abitanti di Icononzo ricevettero anche minacce e decine di persone furono uccise dai paramilitari del Blocco di Tolosa de los Auc. Il Blocco di Tolima si formò nel 1999 quando arrivarono in questo dipartimento le strutture di autodifesa di Puerto Boyacá e dei fratelli Castaño, che addestrarono bande paramilitari nella zona, diedero loro armi e nominarono Diego José Martínez Goyeneche alias "Daniel" come loro capo. La presenza delle Farc è diminuita dopo la firma degli accordi di pace. In questo momento, gli abitanti sono tranquilli perché da tre anni non è stata presentata alcuna azione violenta, anche se temono che se l'ONU abbandoni il posto, i casi di stigmatizzazione possano essere ripetuti.