Unione Europea: diritti a rischio in Polonia

Venerdì 22 Dicembre 2017 00:00
Stampa

di MICHELE PETTINATO

L’Unione Europea, ha scelto di avviare le procedure di attivazione dell’articolo 7 dei trattati contro la Polonia, a fronte delle denunce sempre crescenti di sistematiche violazioni dei principi e dei valori dello Stato di diritto.


Questa decisione è stata comunicata dal vicepresidente della Commisisone Frans Timmermans. Immediata la replica del PiS (Prawo i Sprawiedlywosc, cioè Legge e giustizia, il partito di maggioranza guidato da Jaroslaw Kaczynski e vicinissimo al premier euroscettico nazionalista ungherese Viktor Orbán) secondo cui la decisione di Bruxelles è stata presa per punire la Polonia perché ha rifiutato di accogliere profughi e migranti musulmani.

Lo scontro con la Polonia, dunque, è a livelli mai raggiunti prima. Un paese dinamico, dall'economia in volo, ma non va dimenticato che un terzo della crescita media del prodotto interno lordo viene dai fondi di coesione europei.

La Commissione è intervenuta, con tale severità,  dopo le ultime leggi passate dalla maggioranza a Varsavia. In particolare la riforma della Giustizia, che di fatto abroga l´indipendenza del potere giudiziario e lo sottomette al potere politico, al contrario che in ogni vera democrazia. Il ministro della Giustizia diventa automaticamente procuratore generale e ha mano libera nella nomina di giudici ordinari e di membri della Corte suprema e del Tribunale costituzionale. Inoltre, il governo polacco non ha fatto nulla contro l’enorme corteo di sessantamila estremisti di destra con simboli ultrà fascistoidi e slogan antisemiti, antimigranti e antieuropei.

Secondo fonti di Bruxelles ma anche di esponenti delle opposizioni democratiche polacche, se almeno 22 paesi membri dell´Unione su 28 approveranno la condanna delle asserite violazioni dei principi dello Stato di diritto, allora la Commissione potrà andare avanti nella procedura. E a quel punto per il popolare e potentissimo Jaroslaw Kaczynski, per il suo establishment, la situazione potrebbe aggravarsi e diventare piú scomoda e difficile.