Il SudEst

Tuesday
Nov 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Inchiesta

Lavoro, la Francia in piazza

Lavoro, la Francia in piazza

 

RSI news

 

Scioperi e manifestazioni in tutto il Paese contro la riforma "Loi travail" del presidente Hollande

Leggi tutto...
 

Crisi umanitaria in Grecia nel mezzo della paralisi dell'Unione Europea

Una petizione di Amnesty International

Leggi tutto...

Minaccia libica

Minaccia libica

 

di ROSSELLA PERA

La filiale libica del Daech, erroneamente chiamato “Stato islamico”, certamente non gode del radicamento dei rami egiziani e yemeniti.

Leggi tutto...

La figura mitica del Libertador e l’integrazione latino-americana

La figura mitica del Libertador e l’integrazione latino-americana

di MADDALENA CELANO

 

Il caso del Venezuela è uno dei più antichi esempi in termini di negazione "globale" delle sue origini e del suo presente storico.

Leggi tutto...

Mobilitiamoci contro le guerre

Mobilitiamoci contro le guerre

 

Redazionale

Nell'imminenza della guerra alla Libia, ordinataci dalla Nato, per tornare a distruggere e depredare quel paese e alla luce della sempre più massiccia aggressione della coalizione Nato-Israele-Golfo a Siria e Iraq, cui si oppone la vittoriosa resistenza del popolo siriano, assistito dalla Russia, il COMITATO NO GUERRA NO NATO diffonde questo volantino. Invitiamo a riprodurlo e a distribuirlo ovunque.

Leggi tutto...

Save Cizre! Save Aleppo! Save Lesvo! Save Gaza!

Save Cizre! Save Aleppo! Save Lesvo! Save Gaza!

 

di MARIO CENEDESE

Amuíllang Aukan - Il gelsomino di Cizre non appassisce.

Leggi tutto...

Da Hebron l'indignazione dilaga sul web

Da Hebron l'indignazione dilaga sul web

 

di ROSSELLA PERA

Da domenica 14 febbraio sul web impazza un discusso filmato che mostra un poliziotto israeliano rovesciare un uomo su una sedia a rotelle.

Leggi tutto...

Le schiave sessuali yazide pronte a vendicarsi delle violenze dello Stato islamico

Le schiave sessuali yazide pronte a vendicarsi delle violenze dello Stato islamico

Molte delle donne yazide  che i miliziani neri dello Stato Islamico/Daesh hanno utilizzato come schiave sessuali  si sono arruolate nella milizie kurde irakene o dl Rojava Siriano per partecipare alla riconquista di Mossul, la città a nord dell’Iraq che è uno dei principali capisaldi del Daesh e dove presto arriveranno un migliaio di soldati italiani con il compito ufficiale di difendere i lavori di consolidamento di una grande diga.

Leggi tutto...

UIKI: Lo Stato turco ha massacrato 60 civili usando armi chimiche

UIKI: Lo Stato turco ha massacrato 60 civili usando armi chimiche

Uiki

Un altro massacro dello Stato turco contro i curdi

Da due mesi davanti agli occhi del mondo lo Stato turco sta conducendo un massacro sistematico a Cizre. Decine di migliaia di civili sono stati oggetto di pesanti bombardamenti e di uccisioni nelle strade.
Per diversi giorni le forze dello stato hanno bombardato diversi edifici al cui interno si trovavano civili feriti, ora hanno uccisi quasi 60 persone usando armi chimiche.

Secondo rapporti da Cizre le persone sono state uccise da armi chimiche e i media del governo dell’AKP (TRT-News) ne hanno dato notizia annunciandolo come una vittoria.

Di fronte alla significativa resistenza del popolo curdo lo stato fascista dell’AKP ha commesso un genocidio a Cizre, mettendo in atto metodi non etici e illegali.

• Chiediamo all’UE e all’ONU di dichiarare con urgenza sanzioni militari ed economiche contro la Turchia.

• Chiediamo che la Turchia venga processata per i suoi crimini di guerra e contro l’umanità.
• Chiedamo a tutte e tutti di mostrare solidarietà con il popolo curdo.

Pagina 48 di 49