Il SudEst

Wednesday
Jun 20th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Biotestamento: l’obiezione di coscienza è reato, siamo pronti alle vie legali

Email Stampa PDF

Associazione Luca Coscioni

Filomena Gallo, Avvocato e Segretario dell’Associazione Luca Coscioni dichiara che: “La legge sul testamento biologico assicura la libertà di rifiutare dei trattamenti sanitari in linea con le tutele costituzionali, secondo cui: ”La libertà personale è inviolabile” e che “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.


Continua il dott. Gian Giacomo Pisotti, già Presidente della sezione civile della Corte d’Appello di Cagliari: “Deve recisamente escludersi, alla luce dei principi sull’interpretazione posti nel codice civile e delle elaborazioni della giurisprudenza e della dottrina, che la legge sulle disposizioni anticipate di trattamento consenta l’obiezione di coscienza. Il diritto costituzionale al rifiuto e all’interruzione delle cure è riaffermato nell’art. 1 della recente legge, al 6° comma, in modo chiarissimo, né potrebbe essere diversamente. L’equivoco nasce da una lettura non corretta della diversa norma che non consente al paziente di imporre al medico autoprescrizioni che siano in contrasto con disposizioni di legge o con il codice deontologico (un esempio per tutti: il paziente non può esigere la pratica dell’elettroshock). Quindi, il paziente può rifiutare qualsiasi trattamento, senza che il medico possa obiettare; non può imporre, per altro verso, trattamenti da lui scelti unilateralmente. E’ appena il caso di ricordare che le norme costituzionali e la legge ordinaria non possono essere modificate da atti amministrativi, come quelli che il Ministro della Salute dichiara di voler adottare”

Continua Filomena Gallo: ”Pertanto non possono essere imposte terapie a nessuna persona che in piena capacità ha dichiarato di non volerle. Sarebbe un reato, una violenza privata. Il Ministro Lorenzin non può garantire l’esercizio dell’obiezione di coscienza sulle DAT a medici e strutture cattoliche perché non è possibile, la legge non prevede l’obiezione di coscienza e una legge si modifica solo con un’altra legge non con norme di rango inferiore. Siamo pronti ad intervenire per via legale per difendere l’applicazione delle DAT in tutte le strutture sanitarie autorizzate”.

Dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ci aspettiamo un impegno affinché sia fatta corretta informazione, ci aspettiamo che il SSN fornisca cure adeguate e garanzia di libertà di scelta.