Alla galleria Foresta le immagini di Carmelo Bene

Stampa


di TOMMASO FORTE

Un’ambasciata culturale per valorizzare “Lecce Città del Libro 2017

Carmelo Bene e il suo Salento.  La galleria “Francesco Foresta” “rigenera il suo spazio espositivo in luogo dell’abitare” per raccontare i territori. Per tutto il mese di novembre le grandi vetrine dell’incubatore creativo, nato come progetto di partecipazione attiva a supporto della candidatura di Lecce 2019, proietteranno nella strada della movida filmati della cineteca Rai, in onore del grande Maestro. Una “Introduzione” che racconta il territorio di Campi Salentina, Città natia di Carmelo Bene, la storia e i suoi abitanti e anticipa la XXI edizione della Città del Libro che si terrà dal 25 al 27 novembre nel borgo antico di Campi.

“Un’ambasciata culturale del Salento - spiega Alfredo Foresta - che racconta una contaminazione in movimento tra centro e periferia di un unico grande sistema. Una pagina nuova del nostro genius loci tra passato e futuro per continuare il nostro progetto del recupero e reinterpretazione della memoria in chiave contemporanea”. Dunque, una ulteriore occasione di ciò che sarà “Lecce Città del Libro 2017”. Egidio Zacheo, sindaco di Campi Salentina. “Un partenariato pubblico privato virtuoso in cui le idee vincenti non hanno un colore nè un solo ideatore, non sono legate ai luoghi ma generano nuove opportunità d’incontro e di sviluppo culturale. Un progetto ambizioso.” La galleria come avamposto culturale, teatro di integrazione sociale. Un viaggio virtuale tra gli affreschi bizantini della chiesa di Santa Maria delle Grazie di Campi e le geometrie della vicina chiesa barocca di San Matteo, tra le parole di Carmelo Bene e l’architettura essenziale della galleria. “Un processo che ha già coinvolto altri territori -  conclude Cosimo Durante, Presidente della Città del Libro - e che punta a creare una rete territoriale che valorizzi il turismo e il marketing territoriale”.