Il SudEst

Saturday
Feb 29th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura Per una critica all’ educazione dei valori dominanti

Per una critica all’ educazione dei valori dominanti

Email Stampa PDF

 

di MADDALENA CELANO

La feroce chiarezza di Claudio Naranjo: "L'istruzione (dominante) è perversa, una prigione, una truffa, trasforma le persone in Homo Demens"

 

 


Lo studioso cileno, deceduto lo scorso anno, afferma che l’ istruzione “non è un problema cileno, è un problema globale”.  L’istruzione è utilizzata per lavare il cervello dei giovani in modo che, in seguito, si abbia una forza lavoro obbediente, che non ponga molte domande, che non abbia esigenze personali, che si adatti. Nel mondo accademico, ha lamentato che, nonostante la sua rilevanza mondiale, non abbia mai ricevuto un premio nazionale nel suo campo.

La morte di Claudio Naranjo (1932-2019) non significò solo la scomparsa di uno dei più importanti pensatori cileni, ma la scomparsa di un feroce critico dell'educazione cilena e del modello educativo maggiormente diffuso nel mondo.

“Non è una questione cilena, è una questione mondiale, quella di utilizzare l'educazione per lavare il cervello ai giovani in modo che, in seguito, abbiano una forza lavoro obbediente, che non ponga molte domande o che non abbia bisogni personali”.

La sua carriera fu caratterizzata dal coinvolgimento nelle politiche educative. Il suo libro "Cambiare l'educazione per cambiare il mondo" è diventato un  riferimento nel campo dell'educazione.

Lo psichiatra e scrittore, che ha studiato all'Università di Harvard e ha lavorato presso lo Stanford Research Institute, negli ultimi anni, ha presentato le sue opinioni in Cile in un forum come il “Congresso del futuro”, dove ha  avvertito nel 2017 che "l'educazione trasmette una mentalità patriarcale, obbediente, con una morale autoritaria-repressiva"il risultato di un trauma ancestrale causato da eventi verificatisi migliaia di anni fa.

Nel 2007 fu nominato per un dottorato onorario dall'Università di Udine, Italia. Nello stesso anno, Naranjo creò la sua Fondazione, che fu inaugurata all'Università di Barcellona.

Psichiatra cileno riconosciuto, leader mondiale nella terapia della Gestalt e nella psicologia transpersonale, scrittore, insegnante e docente di fama internazionale. È considerato un pioniere nel suo lavoro per aver integrato la psicoterapia con le antiche tradizioni spirituali. È stato uno dei primi ricercatori di etnobotanica e piante psicoattive e uno dei tre successori di Fritz Perls (fondatore della Gestalt Therapy). Successivamente, ha sviluppato la Psicologia degli Eneatypes (Enneagramma) e ha fondato la SAT Institute (Seekers After Truth]), una scuola di integrazione psicospirituale per l'autoconoscenza.

Naranjo morì nella sua casa di Berkeley, in California, secondo quanto riferito dalla sua omonima fondazione, e la sua morte causò tristezza nel mondo dell'educazione.

Un libro chiave per comprendere il suo pensiero è "Cambiare l'educazione per cambiare il mondo" (2005), pubblicato in Cile dall'editore Cuarto Propio.

Nel saggio si chiese "quanto dolore sarà necessario per svegliarci?". "Quanto sarà necessario avvicinarsi all'abisso per comprendere appieno che il nostro sistema patriarcale - con il suo autoritarismo mascherato da democrazia, la sua violenza mascherata da buone intenzioni, il suo sfruttamento, l’ eccessiva corsa al profitto, ecc. - è una nave da abbandonare prima del naufragio?"

“Abbiamo bisogno di un'educazione che porti l'individuo a quel punto di maturità in cui, al di sopra della prospettiva isolata del sé e della mentalità tribale, raggiunga un senso comunitario pienamente sviluppato e una prospettiva planetaria. Abbiamo bisogno di un'educazione del sé come parte dell'umanità, un'educazione del sentimento dell'umanità”, ha scritto.                    Per Naranjo, il problema centrale è che l'educazione è attualmente al servizio dello status quo, ovvero è dedicata alla formazione di persone obbedienti, per il mercato del lavoro.

Il pensatore ha espresso che la perversità dell'educazione attuale è che il concetto di educazione, ciò che dovrebbe accompagnare l'apprendimento, è compreso in modo molto diverso nelle scuole formali, dove non si insegna ai giovani ad imparare, ma si dedicano a "mettere le cose" nella testa dei bambini, e finiscono per "rapire" il loro intelletto.

“L'istruzione non ci insegna a essere liberi. Attualmente viene insegnato a essere come dei computer, ma senza esserne all'altezza. Ci rende fantasmi intellettuali, perché la vita non viene insegnata, quindi inizio a dire che l'educazione è perversa. Non siamo ciò che potremmo essere. In un momento ci proclamiamo  homo sapiens, ma finiamo per diventare  homo demens”.          Ha aggiunto che, il modo in cui l'educazione è compresa nella società moderna, non è altro che il partner invisibile di un complesso finanziario, militare, industriale che utilizza l'educazione per i suoi scopi.

Serve a trasmettere una mentalità "patriarcale" per creare persone obbedienti, presumibilmente morali, ma con un tipo di moralità che produce l'opposto, più criminalità che virtù. Una morale autoritaria e repressiva.

Sebbene Naranjo considerasse correnti educative "ben intenzionate" come Waldorf e Montessori, ha concluso che si tratta di minoranze, quindi il problema è l'educazione che la maggior parte dei bambini riceve.

Quell'educazione di maggioranza "non serve allo sviluppo umano, non ha lo scopo di sviluppare le persone come esseri umani, ma solo di fornire loro informazioni. Serve per eseguire un lavoro, per superare esami, in modo da ricevere buoni voti e entrare nel mercato del lavoro”. Naranjo fu colpito dal fatto che l'educazione rimane sostanzialmente la stessa del diciannovesimo secolo, con un'aula, studenti seduti e un insegnante davanti alla lavagna.

"Molte istituzioni cambiano, ma l'educazione no. Penso che non cambi perché sta facendo molto bene ciò che viene segretamente proposto, che è quello di mantenere lo status quo", ha azzardato.

Per quanto riguarda il futuro, non fu particolarmente ottimista.

"Non so se l'educazione istituzionale cambierà, se i ministeri e le loro direttive cambieranno, se il potere transnazionale cambierà. Può darsi che l'educazione istituita non cambi, che sia troppo difficile cambiarla. Ma in quel caso la comunità istituirà un'istruzione più su misura, per ciò di cui le persone hanno bisogno. Proprio come le persone non vanno più in chiesa come un secolo fa, le persone non andranno più a scuola ", ha avvertito.                        Per Naranjo, un'istruzione più adeguata implicava non solo una stanza più piccola, ma anche giornate più brevi, in contrasto con quanto imposto in Cile dalla riforma dell'istruzione degli anni '90.

“Oggi l'educazione risolve il problema dei genitori che non possono prestare attenzione ai propri figli perché devono lavorare. Il sistema si è organizzato in questo modo, in modo che qualcun altro si prenda cura dei bambini”.

"Ho trascorso la mia infanzia camminando in tondo in un cortile di cemento, sempre punito per aver fatto piccoli errori, come parlare in spagnolo in una scuola inglese."        Naranjo è arrivato al tema dell'educazione a causa del suo interesse "verso il mondo, verso le patologie sociali, verso il male della società, e da lì sono diventato sempre più interessato alla civiltà, alla sua storia, all'idea che la civiltà sia il risultato di un antico trauma in cui siamo bloccati, proprio come gli individui rimangono bloccati nel trauma infantile".

"E la reazione al trauma è più un problema legato al trauma originale, come le allergie e le difese organiche in eccesso. Sono diventato uno specialista nella critica sociale della stessa civiltà e l'idea che la crisi che stiamo attraversando ora, sia globale e sfaccettata. Non è qualcosa di nuovo, ma la stessa obsolescenza del sistema che abbiamo costruito migliaia di anni fa, che io chiamo “sistema patriarcale”, un sistema di dominio attraverso la minaccia e l'autorità violenta, una società militarista e una società poliziesca, che penso sia un grande problema mondiale ".

"Siamo in una cultura che genera violenza, e sebbene ci definiamo civiltà cristiana e occidentale, non siamo riusciti a diventare una civiltà amorevole, una civiltà basata sulla solidarietà. Penso che per questa ragione il mondo stia collassando: a causa della mancanza di solidarietà, della risonanza cognitiva in comune. Se non esiste nulla del genere nella comunità, nessuno si opporrà al potere. Non sto dicendo che il potere sia delle persone cattive, ma che è legato al profitto stesso e al denaro, e il denaro vuole solo più denaro, certamente non il buon senso", ha concluso. Proprio per questa ragione, è sempre più necessaria una critica al capitalismo ed ai sistemi economici dominanti.