Il SudEst

Thursday
Dec 12th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura Lo stupro che contribuì alla caduta della Monarchia Romana

Lo stupro che contribuì alla caduta della Monarchia Romana

Email Stampa PDF

di MARIA PACE

Naturalmente, quell’atto di violenza su una donna fu solo la scintilla scatenante di un fuoco che bruciava sotto la cenere.


Come andarono i fatti e chi furono i protagonisti di quella tragedia?

Regnava Tarquinio il Superbo, uomo assai superstizioso, oltre che assai superbo. Un inquietante prodigio aveva sconvolto la superstiziosa corte etrusca: un enorme serpente era comparso nella Reggia, provocando scompiglio e terrore.

Il Re consultò maghi ed indovini, ma, alla fine, decise  di inviare a Delfi, (dove sorgeva il Santuario di Apollo) per un responso, due dei suoi figli: Tito e Arrunte, accompagnati dal nobile romano Lucio Giunio, figlio drlla sorella, detto Bruto, cioè: “stolto”.

Questi, che stolto non era, ma solo assetato di rancore verso la famiglia reale, responsabile della morte del padre e del fratello, li accompagnò di buon grado, ma dimostrò, sulla via del ritorno, di quale pasta era fatto.

L’oracolo, infatti, s’era espresso così: “… il potere su Roma, spetterà a colui che per primo bacerà la Madre.”

Fu così che, giunti in patria, mentre i due fratelli discutevano su chi di loro avesse più diritto a quel privilegio, finendo col decidere che l’avrebbero fatto insieme,   Giunio il “Bruto” finse d’inciampare e cadendo baciò il suolo, cioè la Madre-Terra, facendo fede alle parole dell’oracolo. Giunio non diventò Re, come si sa,  ma contribuì decisivamente al crollo dellla Monarchia ed alla cacciata dei Tarquinii.

Che la Monarchia si trovasse in difficoltà, re Tarquinio il Superbo lo sapeva perfettamente: il cattivo andamento della guerra di Aricia,  l’ostilità del popolo nei suoi confronti e non ultimi, i continui presagi negativi che avevano finito per convincerlo ad inviare messaggeri a consultare l’oracolo di Delfi; al precipitare degli eventi, però, contribuì anche la riprovevole condotta di Sesto, il maggiore dei suoi figli.

Le cronache raccontano che un giorno mentre si trovava sotto le mura di Ardea, cinta d’assedio, in compagnia del figlio Sesto e di Giunio Tarquinio Collatino, cugino e Legato della città di Collatia, la conversazione, come spesso accade in tali frangenti, si concentrò sulle spose  lontane, finendo con lo scommettere sulla loro virtù.

“La mia Lucrezia é donna bella ed onesta.” deve essersi vantato il Collatino.

Lucrezia era davvero una donna bellissima e Sesto  era un giovane prepotente  ed alquanto libertino  e accettò immediatamente la proposta di correre a casa a soprendere le proprie  donne.   Inforcati i cavalli,  i due giovani  raggiunsero  la casa di Sesto e vi sorpresero  la moglie che si lasciava consolare da un gruppo di giovani spasimanti; la bellissima Lucrezia, invece, trascorreva il suo tempo al telaio con le ancelle.

Scornato e perdente, Sesto pensò subito alla maniera di vendicarsi. Si presentò qualche giorno dopo nella casa di Collatino con il pretesto di fare visita di cortesia alla bella Lucrezia, in assenza del marito.

Ignara delle sue vere intenzioni,  la donna lo accolse con tutti gli onori,ma durante la notte, mentre i servi  erano addormentati,  penetrò nella canera della donna, in compagnia di uno schiavo negro, insidiando la sua virtù.

Lucrezia lo respinse sdegnosamente, ma Sesto aggiunse intimidazioni  all’oltraggio:  prima le dichiarò la sua passiome e le offrì il trono di Roma, poi passò alle minacce. Le disse che se non avesse accettato le sue profferte amorose, egli non si sarebbe limitato ad ucciderla, ma l’avrebbe ricoperta di vergogna.  Avrebbe- le disse – ucciso prima lei e poi lo schiavo negro che era con lui;  l’avrebbe denutato  e lasciato disteso accanto al cadavere di lei per far credere ad una turpe adulterio ed aggiunse che avrebbe giustificato l’uccisioone di entrambi come un atto di giustizia per la loro colpa.

Tito Livio e Dionigi, che nelle loro cronache hanno riportato questo episodio, ne parlano, in verità, con un po’ di ambigua superficialità, lasciando intendere che la donna, per paura e della morte e del disonore, sia stata consenziente alla violenza, mentre invece, Lucrezia intendeva salvare la propria memoria dalla vergogna e dal disonore. Il giorno dopo, infatti, come  scrive Tito Livio:

“Io assolvo me dal peccato, ma non mi sottraggo al castigo.”  dirà Lucrezia ai parenti raccolti in riunione per  riferire della violenza  a cui era stata costretta con la forza, dopo di ché si trafiggerà con il pugnale.

Tra i presenti c’é anche Giunio Bruto, lo “Sciocco” e sarà proprio lui, animato dal suo odio verso i Tarquinii, ad occuparsi di tutta la faccenda ed  a rubare a tutti la scena: a Collatino, il marito offeso, a Sesto, lo stupratore e alla stessa vittima. Vittima ideale per  il finto sciocco… per l’uomo che aveva nascosto sotto la maschera di una finta stoltezza l’odio bruciante contro la famiglia Tarquinia  e che poteva finalmente smettere i panni del finto stolto ed indossare quelli del vendicatore.

Egli estrasse il pugnale dal petto della povera Lucrezia e giurò vendetta contro i suoi uccisori. Poi,  mostrando quanta determinazione ci fosse in lui,  sollevò il corpo esanime della donna ed a braccia lo portò fino  al Foro e sull’onda di una   grande emozione, spinse la popolazione alla rivolta.  Al cospetto delle spoglie della virtuosa patrizia, infatti, tenne un discorso funebre  dagli accenti tanto vibranti da infiammare i presenti:  elogiò  la virtù di Lucrezia e denunciò i delitti della famiglia Tarquinia.

Fu la fine della Monarchia: Tarquinio il Superbo e la sua famiglia furono cacciati via a furor di popolo e in sua vece fu invocata la Repubblica e proprio Giunio e Collatino, furono i primi due Consoli eletti.