Il SudEst

Monday
Dec 10th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura Pasolini e don Milani: voci solitarie e inquiete

Pasolini e don Milani: voci solitarie e inquiete

Email Stampa PDF

di MARIAPIA METALLO

“Pasolini e don Milani… gli ultimi veri pedagogisti italiani” (Goffredo Fofi)


Voci solitarie e inquiete entrambe, quelle di Pasolini e don Milani, se si pensa al terreno comune del loro situarsi sempre fuori dal coro, del coraggio trasgressivo dell’intransigenza critica, della passione per il ruolo dell’educazione, progettata e praticata però con modi alternativi e non convenzionali di azione didattica. Ed entrambi poi, dopo la morte, destinati ad essere variamente fraintesi, strumentalizzati o tirati sotto le più diverse bandiere. Pasolini fu subito attratto da Lettera a una professoressa ed esaltò quel testo come “straordinario”. Dalla sua Pasolini aveva del resto il termine di confronto di una personale pratica reale di insegnamento. “Maestro mirabile” lo definì il preside, <>. Posizioni appassionate che infine portarono Pasolini all’intransigenza provocatoria degli ultimi anni, alla proposta radicale dell’abolizione o della sospensione della scuola dell’obbligo, che aveva dismesso la sua vocazione formativa ed era diventata agenzia di conformismo e consumismo, parallelo e omologo a quello diffuso dalla Tv o dalla pubblicità. Due maestri, scomodi, ribelli e appassionati, pur nella diversità dei temperamenti e delle scelte: don Milani, testardo, savonaroliano e infuocato; Pasolini, mite, implacabile e poi disperato critico della modernità, innamorato della cultura e della poesia. Per entrambi, tuttavia, resta tenace il valore comune della forza rivoluzionaria dell’educazione.