Il SudEst

Sunday
Jul 22nd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura I dodici Cesari: Vitellio

I dodici Cesari: Vitellio

Email Stampa PDF

di MARIA PACE

“Un ingordo al potere”. Questo lo sprezzante giudizio di Tacito, ma anche del popolo romano.


Questo Princes sperperò, per soddisfare la sua insaziabile voracità di cibo, milioni di sesterzi in banchetti nel corso di pochi mesi. Sette mesi e sette giorni, per la precisione. Tanto durò il suo regno.

Come fu possibile?

Lo fu perché il Principato era un potere assoluto con un’apparenza di Repubblica. Lo fu perché egli era la  ”Legge vivente”, comandava, cioè,  su tutti ed aveva potere decisionale su ogni cosa.  Lo fu perché la Potestà Tribunizia gli riconosceva l’immunità e  l’Imperium Proconsolare gli assicurava tutti i poteri militari.  Lo fu perché  a sostenerlo era  un Senato costretto all’adulazione e condizionato dalla paura.

Un Senato, in verità,  diceva Tacito, che  adulava  Vitellio, il Princes in carica, cercando, però, di non irritare Vespasiano, il generale appena acclamato  dai suoi eserciti. Era lo stesso Senato che aveva accordato poteri  ad Otone, dopo aver decretato la fine di Galba e che ora  sosteneva Vitellio,  senza  perdere di vista  l’altro generale,  acclamato anche questi dai suoi soldati: Vespasiano, per l’appunto.

Se Nerone doveva la sua nomina alla madre Agrippina, Aulo Vitellio lo dovette, invece ai favori di cui godeva a corte il padre, Lucio. Lucio Vitellio, infatti, era stato intimo di Claudio e prima ancora di Caligola.

Questo il parere di Tacito.

Secondo Svetonio, invece, era stato lo stesso Aulo a guadagnarsi il favore non di uno, ma di ben cinque imperatori. Da Tiberio, che da ragazzo aveva seguito nel suo ritiro, a Galba, cui dovette la prima nomina a Generale, passando per Caligola e Nerone, con i quali condivideva la passione per le corse dei cavalli, al punto da far loro da servente quando erano alla guida dei carri.

Il difetto principale di questo Princes, primo e dopo la sua nomina, fu il totale disordine che regnava nella sua vita e soprattutto a tavola.

Gli storici lo descrivono come un Princes che trascurava ogni altro impegno a favore di quello della tavola e non c’è ragione per dubitarne, a guardare i suoi ritratti che sono quelli di una persona gaudente: ventre prominente e faccia paonazza, proprio di chi ha un certo trasporto per il vino e il cibo.

Un’attività continua, però. Quasi ininterrotta. Di giorno come di notte.

“... uomo di gola non solo vorace, ma anche sconveniente e sozzo.” sottolineava Svetonio.

“… fin dall’inizio frequentava le osterie e passò la maggior parte a far baldoria e ingozzarsi vomitando…” annotava Dione Cassio.

Anche i predecessori, in verità, avevano sperperato grosse risorse  nei loro lunghissimi banchetti, ma l’inclinazione di questo Princes per il cibo era davvero eccessiva: più di un miliardo di sesterzi nei soli 7 mesi di regno. Dione Cassio così la definisce:

“Il tempo del regno di Vitellio fu solo un’ebrezza e un’euforia continua”

Un’ebbrezza ed una “frenesia sconcia e insaziabile” la definiva a sua volta Tacito, che non si esauriva a Palazzo, ma che si moltiplicava durante il suo passaggio attraverso le città,  dove, per fargli piacere ed ottenere favori,  gli venivano  imbanditi sontuosi  banchetti.   Carri carichi di cibo, inoltre, arrivano in città per soddisfare gli interminabili banchetti a Palazzo, ma anche quelli delle Legioni acquartierate in periferia, così da allestire un unico infinito banchetto.

Con amarezza, Tacito riporta:

“Se le truppe avevano in sé qualche favilla guerriera, la vanno spegnendo nelle orge e nelle bettole sull’esempio del Princes.”

Già prima dell’avvento al Principato, Vitellio aveva vissuto al di sopra delle sue possibilità, costantemente inseguito dai creditori;  Dione Cassio riferisce della sua difficoltà a reperire denaro per raggiungere il comando in Germania e di come sua madre si fosse  venduto i pochi gioielli di famiglia.

Se a tavola era così smodato, nella vita intima non dovette esserlo da meno, se Vespasiano ebbe a dire:

“E’ schiavo delle meretrici e nondimeno insidia le donne maritate dicendo che l’amore è più dolce se accompagnato dal pericolo.”

Si sposò due volte e da entrambe le mogli ebbe due figli minorati.

L’unica ambizione di questo Princes era, dunque, la tavola. Al potere non ci aveva mai pensato prima. Prima, cioè, del momento in cui Galba non gli affidò il comando delle Legioni della Germania Inferiore.

Galba disprezzava profondamente Aulo Vitellio.

E allora, perché gli affidò  il comando di un esercito così potente,  commettendo  il più grande errore della sua vita?  Lo fece proprio perché spinto dal suo disprezzo: non si aspettava alcun pericolo  da “un uomo senza ambizioni che pensava solo a mangiare.”

In realtà, altri imperatori avevano avuto quello stesso difetto: Caligola,  sempre gonfio di vino e cibo, Claudio, inebetito dal cibo… lo stesso Galba, dall’appetito insaziabile. Vitellio, però, aveva esteso la sua prodigalità all’intero esercito.

I legionari avevano accolto con entusiasmo questo generale così prodigo,  tollerante e comprensivo,  tanto comprensivo  da cancellare  le loro note negative e accordare  tutto quanto  richiesto.

Fu così che, non passò un mese ed eccolo acclamato  Princes a furor di...   legionario.

Svetonio racconta che fu letteralmente “rapito” dai suoi soldati che lo prelevarono dalla sua tenda in pieno notte, dopo un breve confabulare.  Dopo averlo acclamato Imperatore, lo sollevarono sulle spalle, e lo portarono in  giro come fosse una statua.

Il suo ingresso a Roma, più tardi, per la presa del potere, avvenne da gran trionfatore: addosso il mantello militare e al fianco il gladio,  circondato e seguito dai suoi  soldati che avanzavano  con le armi in pugno e  spinti da enorme  entusiasmo.

Egli, però, subì quell’entusiasmo senza eccessiva partecipazione,  trascinato dall’ambizione di altri. Di Fabio Valente,  uomo ambiziosissimo,  Legato della Germania Superiore e generale della IV e XXII Legione, i cui comandanti  avevano distrutto le immagini di Galba e offerto a lui la porpora imperiale.  A sostenerlo, dunque, aveva due eserciti potentissimi: quelli della Germania Inferiore e della Germania Superiore.

Le sue decisioni militari, però, non furono felici e il suo comportamento fu talvolta addirittura discutibile, come nel caso della sconfitta di Cremona, di cui cercò di ritardarne la notizia, lasciandosi mal consigliare.

Negli ultimi giorni di regno pare che Sabino, il Prefetto del Pretorio, gli avesse offerto una somma ingente affinché si ritirasse dalle scene, ma ancora una volta, fu malconsigliato.

Sicuramente Vitellio commise degli errori, per la sua incertezza, per l’incapacità e soprattutto per i  cattivi consigli.  Non sempre, però, gli storici contemporanei  riuscirono a restare obiettivi fino in fondo, finendo per evidenziarne l’immagine negativa,  al fine di esaltare quella del successore, Vespasiano, che era riuscito a chiudere uno dei periodi più travagliati della storia di Roma.

I romani non gli perdonarono l’orrore della guerra civile, così come avevano fatto, d’altronde,  con Galba e Otone. Soprattutto, però, non gli perdonarono due cose:  il  gozzovigliare a dismisura e la totale sudditanza ai suoi consiglieri, i Legati Cecina e Valente e il liberto  Asiatico.

In realtà, più volte Vitellio fu tentato di restituire la porpora imperiale, ma sempre, i tre riuscirono a dissuaderlo.

Apatico ed indeciso, incapace di sottrarsi agli eventi, si guadagnò il l disprezzo del popolo, che simpatizzava invece per il suo antagonista,  il generale Vespasiano e  non  avvertì  la percezione dei pericoli che lo minacciavano.  Se ne rese conto solo quando le truppe di Vespasiano erano ormai vicine. Ma era già tardi.

Un uomo senza carattere, indeciso, incapace ed incoerente, che, come diceva Dione Cassio:

“… teneva discorsi contradditori esortando i suoi a combattere e nello stesso tempo a fare la pace… ”

La sua fu una morte ignominiosa e infamante, in uno scenario di orrore e crudeltà estrema.

Ecco come  Tacito descrive  l‘avvenimento:

“… il popolo si godeva lo spettacolo dei combattimenti come ad una gara al circo… laghi di sangue e mucchi di cadaveri… o ogni altra simile lordura…”

Un abbruttimento assoluto. Un’abiezione.

Al contrario di Galba, che si presentò nel Foro vestito da generale, e come, invece, già Nerone,   Vitellio tentò di sottrarsi  alla cattiva sorte fuggendo da una porta secondaria travestito da  schiavo. Vitellio, però, tornò indietro e si barricò in una stanzetta come un comune delinquente. Coperto di stracci, andò a nascondersi in un canile, per essere poi tratto fuori malconcio e sanguinante.

La totale cancellazione finanche dell’ultimo residuo di dignità, Vitellio la raggiunse quando negò di essere chi era.  Non gli servì, però, a risparmiargli il supplizio. Con una corda al collo, fu trascinato per strada fino al Foro e sottoposto a pubblico ludibrio come un comune malfattore. Lazzi e oltraggi di ogni sorta, lo accompagnarono lungo tutta quella penosa marcia verso la morte.  Lazzi e oltraggi non ad opera di soldati avversari, bensì di un popolo disgustato e indignato, che, a calci e frustate,  lo spinse fino alle Gemonie, dove lo fece a pezzi e con un uncino lo gettò nelle acque del Tevere.

Era il 21 dicembre del 69 dell’era cristiana.