Il SudEst

Wednesday
Nov 14th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cultura Cultura

Cultura

Antica Roma – L’invincibile esercito

Antica Roma – L’invincibile esercito

di MARIA PACE

L’invincibile esercito romano non era poi così enorme come si pensa e spesso ebbe di fronte eserciti ben più grossi e li sbaragliò. Fu il caso di Cesare, ad esempio, che con i suoi 60mila legionari vinse un esercito di oltre 300 mila uomini. L’esercito romano non superò mai le 300 mila unità, si muoveva a piedi  ed all’inizio non era nemmeno retribuito, ma si autofinanziava con il bottino di guerra.

Complessivamente l’esercito  romano si  componeva di 125  - 140 mila uomini, ma l’unità principale dell’esercitò fu sempre la Legione i cui numeri,, tuttavia, cambiavano di volta in volta.

Composto, secondo l’epoca storica, di vari elementi quali le truppe ausiliarie, le guarnigioni in città e la flotta, fu grazie alla Legione che Roma riuscì a tenere sotto controllo un territorio sterminato e costantemente minacciato ai confini.

L’esercito era comandato da Consoli o Rex e Pro-Consoli militari, alti ufficiali non militari, ma politici, con un mandato  di un anno. Pro-Console era colui  che alla scadenza del mandato, non era stato ancora raggiunto dal successore.

All’inizio questa carica  era ricoperta dal Pretore, magistrato con funzione di comandante dell’esercito, ma, per motivi politici, fu più volte sospesa e ristabilita

Al comando delle truppe ausiliarie dei Socii, ossia degli alleati,

soprattutto  latini e  italici,  c’era il Prefetto, Magistrato

politico.

C’era, infine il Questore un  magistrato con  l’incarico di accompagnare  il Pretore o il Console; tra i suoi compiti,   quello di tenere la cassa militare.

LA LEGIONE

L'elemento principale che permise ai Romani di conquistare un impero così vasto e potente, risiedeva proprio nella efficienza e nella disciplina del suo esercito e, quindi, della LEGIONE e nella sua rigida gerarchia.

La Legione, il cui termine arriva da legere, che significa legare e mettere insieme, costituiva la  principale unità tattica dell’esercito  e nel corso  della storia, è stata l’istituzione militare più longeva che si conosca e sempre in continua evoluzione.   Più volte  riorganizzata, raggiunse, in epoca imperiale, un assetto sostanzialmente diverso da quello iniziale,  fino a superare  le 500 mila unità.

Fu Romolo, secondo la tradizione, a creare la Legione e quindi l'esercito romano, sul modello della Falange greca di Alessandro Magno.

I Legionari erano reclutati solo fra i cittadini romani di età fra i 17 e i 46 anni che potessero permettersi il costo di equipaggiamento ed armamento e che fossero di robusta costituzione fisica, essendo tale equipaggiamento assai pesante e l'addestramento assai duro.

Quelli che non erano cittadini romani, potevano entrare nelle forze ausiliarie ed al momento del congedo avere la possibilità di ottenere la cittadinanza romana.

La disciplina era assai dura ma necessaria,  poiché spesso si dovevano fronteggiare situazioni difficili e pericolose e solo un buon addestramento permetteva di superarle.

In origine la Legione era formata da:

3000 pedites o fanti,   300 equites o cavalieri, di età compresa tra i 17 e i 46 anni, numero, però, che raddoppiò già ai tempi di Romolo, allorquando si unì ai Sabini.

I soldati non erano retribuiti e dovevano provvedere da sé  all’armamento per cui i meno abbienti facevano i fanti e quelli più ricchi i cavalieri.

Assetto della Legione

La  Legione era formata da 10/12  coorti

Una  coorte  era formata da 6  centurie

Un manipolo era formato da 2 centurie

Una centuria  era formata da 100  uomini

Ogni Legione aveva al suo comando un capo che  aveva il titolo di LEGATUS  LEGIONIS  e 6 Tribuni.

Da Legato  dipendevano

- Tribuno militum, comandante del Manipolo, costituito da 1000 Fanti.

- Tribuno celerum, a capo di ognuna delle squadre di Cavalieri

- Centurione, sottoposto al Tribuno ed al comando di 100 uomini – Centurione Primipilus era il grado più alto del centurione e comandava la prima Centuria della prima Coorte.

- Optio, comandante in seconda del Centurione che era il comandante in capo.

Ogni Legione era dotata di un signum, ossia,  l’’Aquila Frontale ad ali aperte”, che costituiva l’insegna più importante e antica dell’esercito, simbolo della Legione. Le insegne erano  aste sormontate da drappi o altro oggetto, che servivano da guida o da riconoscimento di un reparto militare. Il vessillifero, che sorreggeva in mano l’asta del vessillo.

Ogni centuria era comandata da un Centurione e un Optio, comandante in seconda, scelti fra i soldati che si erano distinti in battaglia; sull'elmo portavano un cimiero di colore rosso per potersi distinguere anche da lontano.

La centuria era dotata di un signum, ossia  “l’Aquila Laterale ad  ali sollevate”. Il signifero (porta vessillo o portastendardo), procedeva in prima fila, recando in mano  il vessillo ed esibendo sull’elmo,  pelli di animali feroci, lupo o leone, per incutere terrore.  Lo seguiva il trombettiere e dietro di lui, il comandante della guardia

Una prima vera riforma dell'esercito romano si ebbe con Servio Tullio il quale portò a 193 il numero delle Centurie.

Egli divise la Legione in Fanteria pesante, Fanteria leggera e Cavalleria e i soldati in tre categorie:

- seniores: di oltre 46 anni di età

- iuniores: dai 17 ai 46 anni

- pueri: sotto i 17 anni

Gli iuniores, più adatti ai combattimenti, erano utilizzati soprattutto fuori le mura della città, mentre i seniores si occupavano della difesa delle mura; i pueri, infine, i più giovani, restavano all'interno delle mura.

Una seconda divisione avveniva per classe, ossia per il censo di cui il cittadino disponeva:

- prima classe: era composta da 80 Centurie di Fanti con un censo di oltre 100.000 assi. Divisa in 40 centurie di seniores e 40 centurie di iuniores a cui erano affiancate 18 Centurie di Equites o Cavalieri.

- seconda classe: era composta da 20 Centurie di Fanti con censo fino a 75.000 assi e divisa in 10 centurie di seniores e 10 di iuniores.

- terza classe: era composta da 20 centurie di Fanti con 50.000 assi di censo e divisa in 10 centurie di seniores e 10 centurie di iuniores

- quarta classe: era composta da 20 centurie di Fanti con 25.000 assi di  censo e divisa in 10 centurie di seniores e 10 centurie di iuniores

- quinta classe: era composta da 30 centurie di Fanti con 10.000 assi di censo, divisa in 15 centurie di seniores e 15 centurie di iuniores

- sesta classe: 1 centuria di fanti esente da censo.

Nota: ogni Centuria era formata da 100 uomini e comandata da un Centurione e un Optio, comandante in seconda, scelti fra i soldati che si erano distinti in battaglia; sull'elmo portavano un cimiero di colore rosso per potersi distinguere anche da

lontano.

L'Esercito si divideva in:

FANTERIA:

Fanteria pesante, costituita dalle prime quattro classi

Fanteria leggera, costituita dalle ultime due.

Una Legione di 10 manipoli, in epoca repubblicana,  contava 4200 fanti e 300 cavalieri.

La Guardia Personale del Console era costituita, per finire, da un gruppo  di fanti scelti.

CAVALLERIA

 

Leggi tutto...
 

Infinita tristezza Vita e morte di uno scalpellino anarchico

Infinita tristezza Vita e morte di uno scalpellino anarchico

M.G.

Tra le tante figure di anonimi rivoluzionari della prima metà del Novecento, Carlo Restelli occupa un posto a parte.

Nato a Rockland (Stati Uniti) nel 1880, da una fam...

Leggi tutto...

Il disagio giovanile nell’età del nichilismo

Il disagio giovanile nell’età del nichilismo

di GIUSEPPE ROTONDO

“Che cosa significa nichilismo? Significa che i valori supremi si svalutano.

Leggi tutto...

Matera, la Città del Natale 2018

Matera, la Città del Natale 2018

di MICHELE CAPOLUPO*

Dopo l’ambito riconoscimento di Capitale Europea della Cultura 2019 Matera si appresta a vivere il titolo di Città del Natale 2018 , proprio alla vigilia ...

Leggi tutto...

Antica Roma. Spettacoli e divertimenti – Alle Terme

Antica Roma. Spettacoli e divertimenti – Alle Terme

di MARIA PACE

 

“I Bagni, il vino e Venere, forse accorciano la vita, ma sono la vita”

Leggi tutto...

Franco Bolognese

Franco Bolognese

di MARIAPIA METALLO

«Oh!», diss'io lui, «non se' tu Oderisi,
l'onor d'Agobbio e l'onor di quell'arte
ch'alluminar chiamata è in Parisi?».

 


Leggi tutto...

Antica Roma, Spettacoli e divertimenti – La corsa

Antica Roma, Spettacoli e divertimenti – La corsa

di MARIA PACE

Consualia, erano chiamate le corse dei carri, indette da Romolo in onore del dio Conso, simbolo della forza generatrice del grano, che si disputavano in data ...

Leggi tutto...
Pagina 1 di 43