Il SudEst

Saturday
Feb 29th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

La società è cambiata, e i partiti?

La società è cambiata, e i partiti?

di ELENA HILEG IANNUZZI*

Con il conseguimento del suffragio universale nel 1946 in Italia abbiamo visto dispiegarsi pienamente la democrazia basata sul consenso e la partecipazione


Leggi tutto...
 

Il Che: “Siamo realisti, esigiamo l’impossibile!”

di CARMELA BLANDINI

Ernesto Guevara de la Serna fu uno degli ideologi e dei comandanti che portarono alla Rivoluzione Cubana e aiutò Fidel Castro ad ottenere il governo di Cuba.

Leggi tutto...

Totum et nihil

di MICHELANGELA BARBA

Gira per il web un manifesto.

Leggi tutto...

Fine vita: “Padre perché mi hai abbandonato?”

Fine vita: “Padre perché mi hai abbandonato?”

di CARMELA BLANDINI

Assioma: La vita noi non la chiediamo e veniamo al mondo non per nostra volontà, dunque, ciascuno di noi, nel pieno delle sue facoltà, ha diritto di decidere cosa fare della sua vita.

Leggi tutto...

Il Capitalismo e la falsa Democrazia

Convergenza Socialista, Manuel Santoro

Partiamo da un semplice presupposto. Il capitale sceglie sempre accuratamente chi annientare e chi, invece, ergere a nuovo paladino della giustizia per la salvezza dell’intera umanità. Il capitale sceglie tenendo conto di tutte le condizioni al contorno con l’obiettivo finale di massimizzare il profitto, in termini politici, geopolitici, economici e strategici.

Quando un perfetto sconosciuto oppure una perfetta sconosciuta vengono condotti per mano alla fama, alla notorietà, alla planetaria visibilità mediatica nel giro di pochi mesi, in totale solitudine, senza cioè processi di condivisione delle idee, discussioni e scelta di linea e di leadership, ciò vuol dire che immensi capitali sono stati spesi e verranno spesi sino a quando l’obiettivo del capitale non sarà raggiunto. E’, al contrario, assolutamente impossibile immaginare oppure aspettarsi un investimento politico e mediatico su uomini o donne avverse agli obiettivi politici del capitale. Quante Greta abbiamo avuto negli ultimi cinquanta anni, quanti teenager hanno abbracciato in modo assolutamente innocente le battaglie ecologiste e ambientaliste senza diventare famosi? Quanti di essi sono emersi a simboli di lotta? Quanti politici e movimentisti, al contrario, sono stati annientati pagando con la vita le stesse battaglie avendo probabilmente una più chiara e decisa coscienza anticapitalista? Il capitale sceglie sempre un alleato, anche inconsapevole data la tenera età; mai un avversario politico conscio del suo credo e della sua missione.

Leggi tutto...
Pagina 7 di 17