Il SudEst

Tuesday
Jun 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

“Vivere la Puglia”… Sagre, mostre, fiere e tanti appuntamenti da non perdere

Email Stampa PDF

di ANGELICA LABIANCA

In giro per la Puglia, diversi e interessanti appuntamenti per arricchire il nostro bagaglio culturale e deliziare i nostri sensi.


  • Bitonto, ROSANNA IORIZZO presenterà il suo ultimo libro "Le ali del tacchino", Besa Edizioni

sabato 25 novembre, ore 18.30

Per il "Parco delle Arti" - PROGETTO COMUNALE BITONTO CITTA' DEI FESTIVAL: VIAGGI LETTERARI NEL BORGO - VI EDIZIONE

IL LIBRO:

Sonia è una manager d'azienda, è sposata con Andrea e ha due figli. La sua vita si divide tra lavoro e famiglia e scorre così tranquilla da lasciarla insoddisfatta, ma lei non ha le energie per provare a cambiarla. Quando un infarto colpisce Andrea, durante i giorni e le notti trascorsi al capezzale del marito, nella solitudine di quel tempo immobile, Sonia riflette su se stessa, riuscendo a confessarsi ciò che fino ad allora era stato relegato in un angolo della sua coscienza, ed elabora verità difficili. Per lei, quello sarà il momento di fare bilanci e approdare a una sofferta consapevolezza delle proprie passioni. Accanto a Sonia c'è la fedele amica Giovanna, che si prende cura di lei e la spinge ad accettarsi per quello che è. Fino a quando, inaspettatamente, la vita regalerà alla donna un paio d'ali per spiccare finalmente il volo tanto desiderato. E Sonia volerà davvero. Ma il suo è soltanto il volo di un tacchino...

L'AUTRICE:

Rosanna Iorizzo, nata nel 1970 a Bari, dove vive, è ingegnere meccanico. Lavora in una multinazionale del settore ricerca e sviluppo. Ha pubblicato: Livio mi ha detto che dobbiamo vederci (2003), Apri gli occhi. Una donna altra da me (2009) e Marta sa tutto (2012), con cui ha vinto il Premio Fraccacreta nel 2013.

presso la Libreria del Teatro (L.go Teatro 6, Bitonto)

Ingresso libero

  • Bari, Bari SottoSopra

Domenica 26 novemre, ore 10.30

L'itinerario storico-archeologico “Bari Sotto-Sopra”, un percorso attraverso i secoli, dalla città imperiale romana a quella rinascimentale, documentato dalle evidenze architettoniche e archeologiche che attestano la millenaria storia di Bari.

Partendo dalle perdute mura bizantine, esploreremo la periferia del borgo antico, con i quartieri ebraico e armeno. Osserveremo la sequenza archeologica della città, ben conservata nel soccorpo della Cattedrale di S. Sabino e nei sotterranei di Palazzo Simi; in modo particolare la basilica paleocristiana con pavimento musivo e le chiese di epoca bizantina.

Costo: 15 euro a partecipante ingressi inclusi - Prenotazione obbligatoria a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

  • Bari, La Galleria Misia Arte presenta  la prima mostra retrospettiva dedicata a Franca Maranò

L’artista barese, pioniera dell’arte femminile/femminista in Puglia nella seconda metà del Novecento fu nel 1970, insieme a Umberto Baldassarre, Mimmo Conenna, Sergio Da Molin, Michele Depalma e Vitantonio Russo, tra i fondatori della Centrosei, prima galleria d’avanguardia a Bari.

La Galleria divenne un luogo di incontro e confronto tra esperienze artistiche locali e internazionali e ospitò numerose personali di artiste di livello nazionale come Mirella Bentivoglio, Tomaso Binga, Maria Lai, Adele Plotkin, Elisa Montessori, Renata Boero, Ada Costa, Ketty La Rocca, Fiorella Rizzo, Simona Weller, Gianna Maggiulli.

Misia Arte ospita per l’occasione le opere realizzate da Franca Maranò tra gli anni Sessanta e Settanta, tra cui gli  Abiti mentali, i  Cuciti  e una serie di lavori su tela e alluminio.

La mostra è realizzata con la collaborazione della Prof. ssa Christine Farese Sperken e dell’Associazione culturale Achrome, con il patrocinio del Comune di Bari, del primo Municipio, del FAI delegazione di Bari e dell’Associazione A.N.D.E.

In galleria sarà disponibile il catalogo della retrospettiva, pubblicato da Mario Adda Editore (Bari, 2017), con i contributi di Christine Farese Sperken, Liliana Tangorra, Nicola Zito, Annamaria De Benedictis e con un corredo di immagini delle opere in mostra.

La mostra rimarrà aperta dal 26 ottobre fino al 2 dicembre.

Lunedì: 13,30 - 20,00

Martedì  - Venerdì: mattina 10,00 - 13,00; pomeriggio 16,00 -  20,00

www.misiaarte.it

  • Bari, Ri-volti al Femminile - mostra fotografica di Marina Damato

Dal 3 al 30 novembre

In occasione del mese contro la violenza sulle donne, una mostra fotografica dedicata alla bellezza e alla forza di rinascere delle donne. Gli scatti fotografici di Marina Damato, accompagnati da poesie scritte da donne per le donne.

  • Bari, Pinacoteca metropolitana di Bari, mostra “Sandro Chia e i guerrieri di Xi'an”

Dal 21 ottobre al 31 marzo 2018

Nella Pinacoteca metropolitana “C. Giaquinto” (IV° piano, Palazzo Città metropolitana di Bari - Via Spalato, 19), la mostra “Sandro Chia e i guerrieri di Xi’An” promossa dalla Città Metropolitana di Bari.

La mostra  documenta un particolare momento della ricerca espressiva di uno dei più significativi protagonisti dell’arte contemporanea, Sandro Chia (Firenze 1946), apparso sulla scena internazionale alla Biennale di Venezia del 1980 con il gruppo dei cinque artisti della Transavanguardia. Da allora la sua opera è stata esposta nelle più importanti rassegne internazionali d’arte e in prestigiosi musei, quali il Metropolitan Museum di New York.

La mostra “Sandro Chia e i guerrieri di Xi’An”, a cura di Clara Gelao ed Enzo Di Martino, è incentrata sugli antichi Guerrieri di Xi’an (210 a.C.), ritrovati in Cina nel 1974, di cui il Governo cinese ha realizzato un limitato numero di copie in terracotta. Sono quelle che Chia ha dipinto con i suoi motivi formali, appropriandosene idealmente e facendole così diventare sue “opere fatte ad arte”. Nella Pinacoteca sono esposti nove grandi Guerrieri, un Cavallo e sette piccole Teste, sui quali Chia ha deposto il suo gesto pittorico. L’artista fiorentino è stato infatti definito “nomade e disinibito” per la capacità di alimentare il suo mondo creativo attingendo a fonti diverse e pervenendo ad una personale cifra formale. Un gruppo di sedici monotipi e dieci tecniche miste completano la rassegna. Ne risulta una mostra affascinante, che intende consegnare ai visitatori una visione rappresentativa del complesso e poetico mondo immaginativo di Chia.

Bari, via Spalato,19/Lungomare Nazario Sauro, 27

Info: 0805412420

In foto: Bari, Castello Svevo