Il SudEst

Saturday
Feb 29th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Chi era Qassem Soleimani e perché, il suo assassinio, é un errore imperdonabile!

Email Stampa PDF

di MADDALENA CELANO

L' uccisione da parte degli Stati Uniti del generale iraniano Qassem Soleimani ha modificato, per sempre, le relazioni tra Iran e Stati Uniti, affermano gli analisti iraniani.

 


 

Soleimani, che per 20 anni è stato il volto della politica estera militare iraniana, in Medio Oriente, è stato ucciso durante un raid aereo americano in Iraq, all'aeroporto internazionale di Baghdad, alle prime ore del mattino di questo venerdì, 3 gennaio 2020.

Soleimani era a capo dell'élite sciita Iran Revolutionary Guard Corps (IRGC) Quds Force e l'architetto del suo potere militare e politico.

Soleimani è morto al fianco di Abu Mahdi al-Muhandis, il vice comandante di Hashd al-Shaabi (Popular Mobilization Forces, PMF), un capo delle milizie irachene. Mentre il PMF è stato legalmente integrato nelle forze di sicurezza formali dell'Iraq, i critici affermano che alcune delle fazioni operano ancora indipendentemente da Baghdad e che alcune sono finanziate e armate attraverso l'IRGC.

La Casa Bianca e il Pentagono hanno confermato l'uccisione di Soleimani in Iraq, sostenendo che l'attacco è stato condotto per ordine del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e mirava a dissuadere i futuri attacchi presumibilmente pianificati dall'Iran.

Il supremo leader iraniano, Ayatollah Ali Khamenei, ha dichiarato, in una trasmissione televisiva di stato iraniana, che "una dura vendetta" attende i "criminali" che hanno ucciso Soleimani.

L'analista politico iraniano Mohammad Marandi ha affermato, ad Al Jazeera, che gli Stati Uniti si pentiranno delle uccisioni, descritte come un "atto di guerra" contro l'Iran e l'Iraq.

Marandi afferma che gli Stati Uniti hanno "modificato le relazioni con l'Iran, assassinando un capo militare iraniano di alto profilo e un funzionario governativo". Afferma che l'omicidio ha praticamente "unito le mani dell'Iran e dell'Iraq nell’ attaccare i soldati statunitensi e altri occidentali in Iraq".

Soleimani era una figura militare molto amata, in Iran, grazie al ruolo ottenuto nell'unificazione delle milizie iraniane con quelle irachene.  Soleimani ha contribuito alla sconfitta dello Stato Islamico in Iraq e in Siria. "È stato determinante per la sconfitta del terrorismo internazionale", ha affermato su Al Jazeera, Foad Izadi dell'Università di Teheran.

Marandi afferma che Soleimani era estremamente amato in Iran, in netto contrasto con la percezione che è stata costruita dai media occidentali, che spesso lo hanno definito come una "figura oscura".

"Non era affatto oscuro. Era molto noto al pubblico ed è stato  visto spesso a tenere discorsi pubblici in diverse occasioni", afferma  Marandi.

L'analista iraniano Abas Aslani ribadisce, ad Al Jazeera, che Soleimani era una personalità influente nella società iraniana e ha svolto un ruolo importante nella politica estera dell'Iran.

Afferma che l'omicidio introdurrà un "nuovo capitolo" nella storia politica e militare dell'Iran, in Medio Oriente.

"Questo omicidio non impedirà all'Iran di tenere il passo con le sue strategie di politica estera nella regione", ha aggiunto.

L'ex funzionario della CIA, Bob Baer, ha affermato che l'uccisione di Soleimani è stato un grave "errore" da parte degli Stati Uniti, aggiungendo che la reazione di Teheran potrebbe intensificare le tensioni USA-Iran molto rapidamente.

"La CIA non ha alcuna possibilità di effettuare reali operazioni di intelligence, all'interno dell'Iran, e nessuno dell'amministrazione Trump comprende la mentalità iraniana", ha detto Baer.

Aggiunge che l'omicidio ha messo a rischio le truppe e i cittadini statunitensi in Iraq e nella regione, soprattutto perché gli Stati Uniti non hanno sufficienti truppe da combattimento in Iraq. Inoltre, l'esercito iracheno è troppo debole per difendere l'ambasciata degli Stati Uniti o altri interessi degli Stati Uniti in Iraq.

"Per questo motivo, nessuno può prevedere le conseguenze di una simile operazione", ha affermato Baer su Al Jazeera.

Sia gli Emirati Arabi Uniti che l'Arabia Saudita hanno combattuto una guerra in Yemen, contro i ribelli Houthi, contrastando di fatto l’ Iran.

L'Arabia Saudita da tempo non ha legami diplomatici con l'Iran e ha spesso esortato i politici statunitensi ad agire in modo aggressivo contro la popolazione persiana. Le tensioni, già presenti da diversi anni e mai superate, potrebbero sfociare in tutta la regioni, coinvolgendo presto anche altri continenti in una escalation violenta ed esplosiva.

Il generale americano in pensione, David Petraeus, che comandò le forze americane durante la guerra in Iraq, una volta definì Soleimani "il nostro avversario più significativo e malvagio nel grande Medio Oriente".  Quello che segue è uno sguardo su come e perché Soleimani sia diventato una figura così importante.

Perché il ruolo di Soleimani, come stratega militare, doveva essere riconosciuto anche dagli USA e dal’ UE

Mentre Soleimani veniva descritto come un terrorista dagli Stati Uniti, in Iran divenne una figura imponente e profondamente rispettata. Fu uno dei principali architetti, degli sforzi del regime iraniano, nel rimodellare l'influenza del paese nella regione. Oltre a comandare direttamente l'unità militare più elitaria dell'Iran, la Revolutionary Guards Quds Force, era responsabile praticamente di tutte le operazioni militari straniere.

Soleimani ha avuto il solido sostegno del leader supremo iraniano Ayatollah Ali Khamenei e della sua Quds Force, che ha armato e addestrato direttamente le potenti milizie sciite irachene e altri gruppi delegati in Libano, nei territori palestinesi, in Siria e Yemen.

Quelle milizie, che hanno promesso vendetta questo venerdì 3 gennaio 2019, in risposta all'assassinio di Soleimani, sono state responsabili dell'uccisione di centinaia di truppe statunitensi durante la guerra americana in Iraq. Ma come riporta Holly Williams, corrispondente della CBS News, negli ultimi anni Soleimani e le sue forze sciite erano ironicamente dalla stessa parte degli Stati Uniti: a combattere contro gli estremisti musulmani sunniti dell'ISIS. Soleimani era un genio militare, ha guidato il coinvolgimento dell'Iran nella guerra civile siriana, contribuendo a rafforzare la presa del potere del regime siriano. Per gli iraniani, le cui icone dopo la rivoluzione islamica della fine degli anni '70 sono state solo un clero severo, Soleimani ha ampiamente rappresentato una figura di resilienza nazionale e patriottica, di fronte a quattro decenni di pressioni statunitensi. È sopravvissuto all'orrore della lunga guerra dell'Iran contro l’ Iraq, negli anni '80, per prendere il controllo della Forza Quds. Ma era relativamente sconosciuto in Iran, fino all'invasione USA dell'Iraq del 2003. La sua popolarità e mistica crebbero dopo che i funzionari americani richiesero il suo assassinio.

Un decennio e mezzo dopo, Soleimani era diventato il comandante militare più amato dell'Iran. Avendo ignorato le richieste di entrare in politica, divenne più potente, se non di più, della sua leadership civile.

La fortuna di Soleimani finì dopo essere stato dichiarato morto, diverse volte nella sua vita. Tali incidenti inverosimili includevano un presunto dirottamento aereo del 2006 (incidente realmente accaduto ma in cui il Generale in questione non era presente) che uccise altri ufficiali militari nell'Iran nordoccidentale; e un bombardamento, del 2012, a Damasco che uccise i migliori aiutanti di Assad. Più di recente, nel novembre 2015 circolarono voci secondo cui Soleimani sarebbe stato ucciso o gravemente ferito, da forze di comando fedeli ad Assad, mentre combattevano attorno all'Aleppo siriano. Ovviamente, tutte le voci divulgate erano false.

L'ascesa di Soleimani al potere

Nato l'11 marzo 1957, si dice che Soleimani sia cresciuto vicino alla montagna e alla storica città iraniana di Rabor, famosa per le sue foreste, i suoi raccolti di albicocche, noci e pesche e i suoi coraggiosi soldati. Ma, il Dipartimento di Stato Americano, afferma che sia nato nella capitale religiosa iraniana di Qom.

Poco si sa della sua infanzia, anche se i resoconti iraniani suggeriscono che il padre di Soleimani fosse un contadino che ricevette un pezzo di terra, sotto lo Shah Mohammad Reza Pahlavi, ma in seguito fu gravato da debiti.

All'età di 13 anni, Soleimani iniziò a lavorare nel settore delle costruzioni, in seguito come impiegato della Kerman Water Organization. La rivoluzione islamica del 1979, in Iran, spazzò via lo Shah dal potere e Soleimani si unì  alla Guardia Rivoluzionaria. Poco dopo, l'Iraq invase l'Iran e iniziò la sanguinosa guerra di otto anni e Soleimani decise di partecipare direttamente al conflitto bellico e darsi alla carriera militare. I combattimenti uccisero oltre 1 milione di persone e videro l'Iran mandare ondate di truppe poco armate, nei campi minati, sotto il fuoco delle forze irachene, compresi soldati adolescenti. Le unità militari di Solemani furono attaccate anche da armi chimiche irachene.

In mezzo alla carneficina, Soleimani divenne noto per la sua opposizione alle "morti insignificanti" sul campo di battaglia, mentre piangeva, a volte con fervore, quando esortava i suoi uomini a combattere, abbracciandoli individualmente.

Dopo la guerra Iraq-Iran, Soleimani scomparve dalla vista pubblica per diversi anni, qualcosa che gli analisti attribuiscono ai suoi disaccordi in guerra con Hashemi Rafsanjani, che diventò presidente dell'Iran dal 1989 al 1997. Ma dopo il ritiro di Rafsanjani, Soleimani divenne capo della Forza Quds. Come capo della Forza di Quds - o Gerusalemme -, Solemani supervisionò le operazioni estere della Guardia e partecipò all'invasione dell'Iraq, del 2003, e al rovesciamento di Saddam Hussein.

Secondo dispacci diplomatici segreti statunitensi, rilasciati da WikiLeaks, i funzionari statunitensi hanno apertamente discusso sugli sforzi iracheni per raggiungere Soleimani e per fermare gli attacchi missilistici nella zona verde, altamente protetta di Baghdad nel 2009. Un altro dispaccio, risalente al 2007, parla dell'allora presidente iracheno Jalal Talabani che offre, a un funzionario Americano, un messaggio di Soleimani che riconosce di avere "centinaia" di agenti nel paese, mentre affermava: "Lo giuro sulla tomba di (il defunto Ayatollah Ruhollah) Khomeini non ho mai autorizzato un proiettile contro gli Stati Uniti".

I funzionari statunitensi, all'epoca, respinsero le varie richieste di Soleimani quando vedevano l'Iran come incendiaria e come pompiere l’ Iraq, controllando alcune milizie sciite mentre contemporaneamente mescolavano il dissenso e lanciavano attacchi. Le forze statunitensi avrebbero incolpato la Forza Quds di un attacco a Karbala, secondo cui avrebbe ucciso cinque truppe americane.

L'Iran, importante sostenitore di Assad, ha inviato Soleimani in Siria, diverse volte, per condurre attacchi contro l'ISIS e altri attori che si oppongono al dominio di Assad. Mentre una coalizione guidata dagli Stati Uniti si concentrò sugli attacchi aerei, diverse vittorie via terra, per le forze irachene, sono state ottenute solo grazie all’ intelligenza militare di Soleimani.