Il SudEst

Friday
Jul 20th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Attualità Anbeta Toromani e Alessandro Macario danzano in Coppelia di Amedeo Amodio

Anbeta Toromani e Alessandro Macario danzano in Coppelia di Amedeo Amodio

Email Stampa PDF

Redazionale

Ultimo appuntamento di stagione della Camerata Musicale Barese

Forte del successo di pubblico e di critica che la 76ª Stagione “Formidable” ha ottenuto, la Camerata Musicale Barese ha un’altra “chicca” in serbo per il suo pubblico per una fenomenale chiusura di Stagione: un altro amato balletto è infatti pronto ad andare in scena: stiamo parlando di Coppélia, rivisitato dal coreografo Amedeo Amodio e impreziosito dalle suggestive scenografie di Emanuele Luzzati con i costumi di Luisa Spinatelli.

Appuntamento il 17 giugno al Teatro Petruzzelli alle ore 21.

A ricoprire i ruoli principali saranno Anbeta Toromani e Alessandro Macario, ormai ben noti al pubblico per essere partner affiatati in palcoscenico e coppia nella vita: Anbeta, albanese di origine, si è distinta per la sua partecipazione al programma televisivo “Amici di Maria De Filippi”, già prima ballerina al Teatro dell’Opera di Tirana, mentre Alessandro, napoletano, attualmente è primo ballerino al Teatro San Carlo di Napoli, dove spesso i due si esibiscono insieme. Con loro, il corpo di ballo e i solisti della Daniele Cipriani Entertainment.

Lo spettacolo di  Coppélia coincide con due ricorrenze di grande rilievo per il mondo artistico:

il 2017 infatti segna il decimo anniversario dalla scomparsa di Emanuele Luzzati, il cui indimenticabile lavoro ha reso splendenti le scene italiane e del mondo con i colori della sua tavolozza e l’arcobaleno della sua fantasia e inoltre, sempre l’anno scorso, cade  il bicentenario della pubblicazione (1817) de Der Sandmann di E.T.A. Hoffmann, il testo da cui fu tratto il balletto Coppélia nel 1870. Da una novella sovrannaturale nacque un balletto che ne rese la trama più affabile.

Amodio ci mette mano nel 1995, proponendo la sua personale versione realizzata per Aterballetto. La sua Coppélia recupera le tinte più fosche e sulfuree insite all’interno del capolavoro di Hoffmann e trasporta la vicenda negli Studios hollywoodiani, attualizzandola. Come Amodio ci insegna, le sue “parole d’ordine” sono archetipo e metateatro: “Lo spettacolo è come un set dove si provano diverse scene del film. In scena entrano anche altre mitiche figure cinematografiche, Dracula, Frankenstein e Charlot, oltre a suggestioni ed atmosfere che arrivano da Ginger Rogers e Fred Astaire, Gary Cooper a Marlon Brando“.

Come Lo Schiaccianoci, anche la Coppélia di Amodio/Luzzati è un esempio dell’alchimia artistica, derivante dalla commistione di “robustezza” del pensiero tedesco e di fantasia ed estro tipicamente italiani, con un touche di raffinatezza frizzante conferito dalla partitura di Léo Delibes. Le note originali vengono corredate da inserimenti di Giuseppe Calì, il tutto illuminato dalle sapienti luci di Marco Policastro.

La Camerata comunica inoltre che è in corso la campagna abbonamenti per la 77ª Stagione che si annuncia, come sempre, densa di contenuti artistici e musicali e realizzata per la maggior parte al Teatro Petruzzelli.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, Box Office c/o La Feltrinelli, Botteghino del Teatro Petruzzelli e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it