Il SudEst

Saturday
Dec 15th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attualità Consumatori L' appetito vien leggendo: alla (ri)scoperta dell'antico mangiare

L' appetito vien leggendo: alla (ri)scoperta dell'antico mangiare

Email Stampa PDF

di GIUSEPPE CARIELLO

I Ginger Bread Man

“ run, run as fast as you can, you can't catch me I'm the GingerBread man!”...

...“Corri pure, tanto non mi prendi, sono l’omino di Pan di Zenzero!”...

 

 

Così recita la favola dei GingerBread.

GingerBread, sono dei biscotti speziati tradizionalmente prepararti durante le festività natalizie nei Paesi di origine anglosassone tra cui, Inghilterra, Scandinavia, Polonia, Estonia, Lettonia etc...

Il loro nome deriva dalla parola latina "zingiber", cioè zenzero, in quanto la spezia prevalente nell'impasto è lo zenzero.

Le origini di questi biscotti sono piuttosto misteriose. Secondo una leggenda, il primo esemplare sarebbe apparso alla corte inglese della regina Elisabetta I, la quale, si narra facesse spesso dono ai propri cortigiani di focacce che ne riproducevano le fattezze.

Per gli storici, i GingerBread sono nati in Armenia e sono stati esportati in Europa dai monaci armeni nel 992 d.C. e durante i secoli successivi, la ricetta si è diffusa tra i monaci francesi, tedeschi, svedesi e inglesi.

Il primo documento storico che parla ufficialmente dei GingerBread risale al Cinquecento, quando durante le festività natalizie questi dolcetti venivano venduti dai monaci, dalle farmacie e dagli artigiani nei mercati cittadini.

Nel 1793 la cittadina inglese di Shropshire, divenne un punto di riferimento nella produzione del pan di zenzero, perchè scelse l'omino di GingerBread come simbolo della città.

Ricetta dei GingerBread

400 g di farina 00 per dolci

150 g di miele

150 g di zucchero

100 g di burro

1 uovo

2 cucchiaini di zenzero in polvere

1 cucchiaino di cannella in polvere

1/2 cucchiaino di chiodi di garofano

1/2 cucchiaino di noce moscata

un pizzico di sale

Per la glassa:

1 albume

200 g di zucchero a velo

coloranti alimentari

Procedimento

Ammorbidire il burro, poi mescolarlo in una ciotola con il miele, lo zucchero, il sale e tutte le spezie. Aggiungere man mano la farina, continuando ad impastare ed infine aggiungere l'uovo. Quindi avvolgere l'impasto in un panno umido e lasciarlo riposare in frigo per almeno due ore. Stendere l'impasto con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia di circa 5 mm.

Poi con l'aiuto degli stampi formare i biscotti e metterli in una teglia imburrata o coperta di carta da forno e infornare i biscotti a forno già caldo a 180°C per circa 12 minuti; saranno pronti quando il loro colore sarà leggermente dorato.

Preparare la glassa montando l'albume a neve e aggiungendo a poco a poco lo zucchero a velo senza mai smettere di sbattere.

In diverse ciotole aggiungere i coloranti. Mettere di volta in volta la glassa in una sac a poche con la punta molto stretta e decorare la superficie dei GingerBread a piacere.