Il SudEst

Thursday
Dec 12th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Si vede, si sente. Così il volto esprime la sua identità anche con le note

Email Stampa PDF

 

alt

di LEONARDO LEGROTTAGLIE

Ricerca. Il Laboratorio Sistemi Informativi del Poliba e la Scuola di Musica Elettronica di Matera

Vi siete mai chiesti se il vostro volto è rock, pop, jazz oppure classic? La domanda non è strampalata e relegata a concetti di psicologia comportamentale ma è il risultato di una ricerca scientifica in corso nel Laboratorio di Sistemi Informativi del Politecnico di Bari con la partecipazione della Scuola di Musica Elettronica/MaterElettrica del Conservatorio di Musica “Duni” di Matera, denominata, “Musica Humana”.

La collaborazione tra ingegneri informatici e musicisti ha consentito di costruire la musicalità sonora specifica del viso di una persona che di volta in volta si offre. La ricerca è stata presentata a Taranto in questi giorni in occasione “Mysterium Festival 2105”. Manifestazione organizzata dal Comune di Taranto e dalla Curia Arcivescovile di Taranto.

Attraverso la fotografia, l’immagine del viso viene elaborata in tempo reale dando vita alla “mappatura” del volto e trasformata successivamente in un file audio, che naturalmente cambia da persona a persona. L’ideazione e la progettazione sono del prof. Tommaso Di Noia, Laboratorio di Sistemi Informativi (SisInf Lab) del Politecnico di Bari e del maestro Fabrizio Festa, musicista della Scuola di Musica Elettronica/MaterElettrica, con la collaborazione di: Giuseppe De Santis, Politecnico di Bari/Sisinf Lab; Marco Carmentano, Antonio Colangelo, Marcello Laquale, Andrea Salvato – Scuola di Musica Elettronica/MaterElettrica.

Il progetto nasce dall’incrociarsi tra fortunate coincidenze ed efficaci intuizioni. La Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio “Duni” di Matera da tempo si sta occupando di questioni del tutto simili. Non a caso un suo progetto, «Coelum Stellatum», in fase avanzata di realizzazione, si basa proprio sulla mappatura sonora del cosmo, ed è tra quelli che sono stati inseriti nel programma di Matera 2019. Del resto, lo studio dei rapporti tra geometria, astronomia e musica è da tempo oggetto di studio. Nel Laboratorio di Sistemi Informativi del Politecnico di Bari invece, sono in corso studi e sperimentazioni in relazione a progetti legati all’automazione ed alla programmazione coordinata per applicazioni audio/visuali. “Tale progetto – dice il prof. Di Noia, docente di ‘Logica e Intelligenza Artificiale’ al Politecnico di Bari - è il primo tassello in un disegno più grande che vede applicazioni future nei settori della medicina, della sicurezza, dell’intrattenimento e delle arti visuali”.