Il SudEst

Thursday
Jul 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

La nuova Segreteria della Federazione PSI di Terra di Bari

Email Stampa PDF

Si è tenuto sabato 5 Marzo 2011, presso l’Hotel Excelsior in Bari, alla presenza del Vice Segretario Nazionale Marco Di Lello, il 5° Congresso Provinciale del PSI di Terra di Bari.
A presiedere l’Assise Socialista, l’Assemblea Congressuale ha chiamato l’Avv. Gianvito Mastroleo, Presidente dell’Assemblea Regionale del partito, il quale ha aperto i lavori ricordando l’On. Antonio Landolfi, figura storica del PSI, di recente scomparso.
Al termine di un vivace e accalorato dibattito, introdotto dalla relazione del Segretario uscente Gino Laroccia, durante il quale è stato esaminato lo stato politico ed organizzativo del partito, l’Assemblea Congressuale ha proceduto alla elezione degli organismi statutari.


E’ stato eletto Segretario Provinciale GAETANO MEMOLA, giovane ingegnere alla guida provinciale del più vecchio partito italiano.
La Segreteria è risultata così composta:
CARMEN CENTRONE - Vice Segretario
FARELLA VITTORIO
MACCHIA ERMANNO
MAGISTA’ FRANCESCO
MATERA LUCA
MUNDO FRANCESCO
VERNA SAVERIO
Nel corso del dibattito sono intervenuti: Marco Di Lello, l’On. Lello Di Gioia, componente della Segreteria Nazionale, i Consiglieri Regionali Franco Pastore e Donato Pellegrino, che hanno annunciato la decisione, applaudita da tutti i presenti, del loro passaggio dal gruppo regionale di SEL al gruppo misto.
Fra gli altri sono intervenuti Arjan Ajasi, Domenico Bulzacchelli, Vittorio Farella, Francesco Magistà, Mauro Tesoro.
Il neo-Segretario, dopo aver ringraziato con fraterno affetto il Segretario uscente Gino Laroccia e l’intera assemblea che lo ha eletto, si è impegnato, insieme agli altri giovani componenti della segreteria, a proseguire un difficile lavoro di rinnovamento e rilancio del Partito, “che sta attraversando una delicata fase del suo lungo percorso, penalizzato altresì da una iniqua legge elettorale”.
“Tuttavia viaggiando sulle spalle di giganti come Turati, Nenni e Craxi - ha concluso Gaetano Memola - è possibile guardare lontano ed orientare meglio i compagni verso un futuro più alto, al servizio del nostro Paese”.