Il SudEst

Tuesday
Jan 16th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Taranto: vincitori e vinti

Email Stampa PDF

 

di ADELE DENTICE

Vincitori manco a dirlo sono sempre loro, i potenti  e  i loro cortigiani politici o gli incolti detentori della cultura e dell’informazione , i vinti, come al solito,  gli altri i molti altri , i malati e i morti quei trentamila morti di cancro all’anno che si registrano in Puglia, la virtuosa Puglia che si è dotata per prima di un nuovo strumento per il contenimento dei livelli di benzo(a)pirene.


 


Ci sono voluti 150.000 morti di cancro in 5 anni per pensare a far approvare un disegno di legge per frenare la iperproduzione del terribile killer  il benzo(a) pirene, comunque meglio tardi che mai, si potrebbe dire, l’importante è che i controlli siano continui e non concordati . Si potrebbe dire questo e, si potrebbe pensare, che comunque ci sia una volontà utile e condivisa ad arginare una catastrofe umanitaria  ambientale e sanitaria, una presa di coscienza generale  dal momento che il provvedimento è stato votato all’unanimità.

Si potrebbe pensare questo se non fosse  che  anche uno studente delle superiori ,ma basta solo un po’ di buon senso , sa che una legge regionale non può abolire una nazionale e Vendola sarebbe stato più credibile se entro i termini avesse sollevato la questione di legittimità costituzionali del decreto Salva Ilva 155/2010 e , allo stato attuale, c’è il serio pericolo che  questo provvedimento rimanga inattuabile

Ma, fermo restante, che le emissioni si riescano a contenere ( non ad eliminare!!) ciò non toglie che la lotta ad un singolo inquinante, rispetto agli altri ,  non elimina il rischio sulla salute, è la combinazione di tutti gli agenti chimici di origine industriale (indipendentemente dal rispetto dei limiti di legge) che  determina il  quadro tossicologico e sanitario.

I morti rimangono così come l’insorgenza di nuove patologie come la M.C.S., l’aumento esponenziale  di malformazioni fetali, la diffusione di malattie immunologiche legate all’inquinamento, Ancora una volta veniamo assaliti dal dubbio o dalla certezza  che oltre le parole manca la vera volontà a risolvere il problema , a riflettere coraggiosamente  in merito alla necessità di dismettere  e riconvertire un apparato produttivo , ma sono utopie la classe politica è sotto ricatto di alcuni centri di potere e deve difendere i loro interessi e certi settori sono strategici e trainanti per l’economia nazionale anche se si  mettono in discussione le stesse condizioni naturali in cui si è sviluppata la vita

Ma  i vinti  rimangono vittime anche della la manipolazione mediatica della disinformazione giornalistica che enfatizza i risultati, anche molto parziali,  mentre si tace rispetto a quelli relativi agli effetti degli inquinanti ambientali e della loro combinazione ,  battistrada per imporre l’ideologia dell’inevitabilità del danno

Su questo terreno si continua  a perseverare in politiche di immagine e di assoggettamento al libero mercato, pur  essendo sotto gli occhi di tutti che la soluzione ai problemi ambientali impone una radicalità dell’azione politica e oggi bisognerebbe avere il coraggio di scegliere tra salute o  grandi impianti,

ma forse alla nostra classetta dirigente  si chiede troppo!