Il SudEst

Saturday
Sep 22nd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Se non ora quando?

Email Stampa PDF

Si è costituito anche a Bari il comitato promotore della giornata di mobilitazione nazionale. L’iniziativa risponde alla necessità di una presa di posizione pubblica e decisa nei confronti della miseria politica ed etica che segna ormai la pratica del governo Berlusconi.La manifestazione, plurale e trasversale, nata dalla passione politica di alcune, auspica la partecipazione di quanti/e sono interessate/i ad interrogarsi sugli attuali modelli dominanti maschili e femminili, e sui rapporti tra uomini e donne segnati dalla logica della subalternità e della mercificazione.


Del Comitato che organizza l’evento a Bari fanno parte associazioni di donne che già da tempo hanno aperto un confronto pubblico sul legame indissolubile tra soggettività femminile, libertà, diritti e cittadinanza, come indicatori di progresso civile di un intero popolo.
Vale la pena ricordare che:
· nel nostro paese la violenza contro le donne è tuttora ferocemente esercitata
tra le mura domestiche;
· le condizioni di accesso al lavoro sono fortemente discriminanti;
· gli ostacoli ad un’effettiva partecipazione alla vita politica sono altissimi.
Per questo, in un paese che sta drammaticamente vivendo una gravissima fase di regressione culturale e politica, di arretratezza economica e tecnologica, di perdita di prospettive e strategie, il sessismo è divenuto sistema ed esercizio di potere. Per tutte queste ragioni è necessaria e urgente una decisa assunzione di responsabilità da parte dei partiti, dei sindacati e di tutte quelle donne e quegli uomini che non si riconoscono in questo sistema di corruzione e mercificazione.
Chiediamo quindi un’adesione alla manifestazione del 13 senza bandiere e simboli di partito, affinché si faccia della libertà e dei diritti delle donne la condizione necessaria per restituire ad ognuna/o l’esercizio di una cittadinanza piena e soddisfacente e la speranza in un futuro nel segno di una diversa civiltà delle relazioni umane.

domenica 13 febbraio in
piazza Libertà (ex Prefettura)
alle ore 10.30