Il SudEst

Friday
Jan 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

La difficile unità

Email Stampa PDF

MENANTE

“Il futuro è dei giovani e del lavoro” è il tema della manifestazione nazionale, indetta dalla Cgil, per sabato 27 novembre a Roma. Sarà l’occasione per affrontare anche altri problemi sindacali e politici attuali come la contrattazione, l’equità fiscale, il welfare, il diritto alla conoscenza, il Mezzogiorno.



Sarà, soprattutto, l’occasione per l’esordio ufficiale davanti alla vasta platea, degli iscritti e non, che convergerà a Roma da tutta l’Italia, per il nuovo segretario Susanna Camusso. Una donna, per la prima volta, a capo della più numerosa sigla sindacale. Non sarà quella l’occasione per parlare di altre sigle e, pertanto, è probabile che, trionfalisticamente, si rimarcheranno le cifre da primato della Cgil . Ma prima o dopo bisognerà pur parlare di ritorno all’unità della “triplice”, una visione non di certo superata se lo stesso Lama, in altri momenti storici, teorizzava che è preferibile “una difficile unità a una bella divisione”. I sindacati di centrosinistra, coesi, avrebbero ben altro prestigio e forza di contrattazione con qualsiasi governo.