Il SudEst

Wednesday
Jan 17th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Api in estinzione

Email Stampa PDF

descrizione

di ANNA MARIA FIORE

Sono passati vent'anni da quando conobbi mio marito

Lui rimase affascinato da mia madre, una donna ape, come la definiva. Sempre intorno al suo alveare, ora a ripulire una cella, ora a procurare il cibo, ora intenta nel volo, operaia e regina nello stesso tempo. Lei era capace di amministrare, di formare i figli, di seguirli, di sfamarli, di consigliarli ma con grande umiltà capace di farsi da parte, per aiutare la sua giovane prole a spiccare il volo.

 

Oggi ahimè la profezia di Albert Einstein si sta, purtroppo,avverando e le api stanno scomparendo per il surriscaldamento globale, le culture Ogm, le onde prodotte dalla telefonia cellulare e l'uso massiccio di pesticidi.Anche le donne/ape sono in via d'estinzione, il progresso non le vuole più... Al loro posto corpi efebici, strumentali, maliziosamente ammiccano da pagine di giornale la loro assenza di pudore; reclamano attenzione lembi di carne vestiti di maliziosa sensualità sbattuti a pubblicizzare uno yogurt o a motivare l'acquisto di un'auto, promettendo un gusto della vita piccante e piccato.Benvenuti nel patinato mondo delle donne, dove concorsi di bellezza fanno specchio all'occasione della vita di entrare nel mondo delle istituzioni, del gossip e del prendo tre al posto di uno. Dov'è finita l'unicità dell'essere, l'individualità, l'intelligenza sociale capace di costruire per sé e per gli altri l'alveare, sapendo come operaia di essere importante ed unica per la sopravvivenza della specie e della regina?  L'unicità delle donne è nell’essere capaci di pensare, di arrabbiarsi, di lottare, di credere, di amare,ma ci stanno distruggendo il sogno, vendendoci la promessa di gustose e ‘altre’ relazioni sessuali, dove poveri corpi vuoti sono l'elogio del niente. Un modello tutto italiano che sfrutta in modo subliminale l'atavica truffa dell'accoppiamento ai fini della conservazione della specie, ma che invece procede inesorabilmente verso la sua estinzione.La seconda parte della profezia di Einstein dice che se le api dovessero scomparire all'uomo non resterebbe che quattro anni di vita. Lanciamo un appello: donne ape unitevi, uniamoci riprendiamoci il pianeta, partendo dalla tv. Basta vestiamo questi corpi nudi, facendo parlare le loro teste, ritornando ad affascinare con il cervello e il cuore. Un ritorno all'antico senza strumentalizzazione, esseri pensanti, colorate, vere. La rivoluzione delle cose semplici. La modernità che diventa valore nella generosità del dono della maternità. Le donne sono vere, quando sono api operaie, regine.  Fermiamo questo progresso autodistruttivo… per il bene di tutta la specie umana.