Il SudEst

Tuesday
Dec 10th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Venezia 76: Re e Regine

Email Stampa PDF

di SARA LAURICELLA

Venezia 76, la Mostra del Cinema di Venezia continua la sua nove giorni di films, starlette e star vere con Re e Regine di prim’ordine.

 

Attori e registi di alto livello si intervallano ed accavallano in un manifestazione che brilla anno dopo anno. Maryl Streep Regina internazionale insieme alla mediterranea Penelope Cruz. La Streep, protagonista insieme ad un bravissimo Antonio Banderas, si presenta, semplice e bellissima come sempre, per il film in Concorso "The Laundromat", la commedia nera di Steven Soderbergh sulla rete di società fittizie e conti offshore di ricchi, famosi e potenti indagata e smascherata dai Panama Papers.  La dolce Penelope Cruz è la protagonista, insieme a Gael Garcia Bernal di "Wasp Network" di Olivier Assayas. Il film racconta la storia di un gruppo di spie che negli anni '90 ebbe il compito di infiltrare e boicottare i gruppi anticastristi in Florida che aspiravano a rovesciare il regime di Fidel. E tra i Re Joaquin protagonista dell'applaudito e già molto atteso nelle sale, dove arriverà il 3 ottobre, JOker del regista Todd Philips. Il noir con il personaggio iconico dello joker parla di un emarginato dalla società, abusato da piccolo, bullizzato, rifiutato come comico ed un bel po’ matto. Altro Re iconico il grande Brad Pitt con la sua interpretazione “spaziale” del quale abbiamo già parlato nel precedente articolo. Assente il Re Roman Polanski, per via dei suoi guai con la legge internazionale, tuttavia presente in concorso con il suo film "J'accuse (l'ufficiale e la spia)". Tra i Re nazionali Luca Marinelli con nove minuti di applausi per "Martin Eden", Paolo Sorrentino per la serie “The New Pope", sequel di "The Young Pope", per la proiezione fuori concorso di due episodi. Presentata come evento fuori concorso, verranno proiettati due episodi (il secondo e il settimo) ed il regista Mario Martone per il suo "Il sindaco del Rione Sanità". Come sempre presente tanta bellezza e tante bellezze, in un’altalena tra il garbo e l’ostentazione, tra il sacro fuoco dell’arte ed il sacro fuoco della visibilità. Ma quello è un altro film.

Nella foto: Meryl Streep (dal web)