Il SudEst

Sunday
Jul 22nd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

La terra copre tutto

Email Stampa PDF

di LINO FAZIO

Il 20 Luglio scorso è morto Pino Pelosi, “delinquente” comune e per la legge italiana,

 

anche assassino,  avendo egli ucciso Pier Paolo Pasolini, il più grande intellettuale del secolo scorso e senza ombra di dubbio, anche di questo.

Il Pelosi è prematuramente morto a causa di un tumore a rapida evoluzione ed ha portato con sé la soluzione dei misteri che circondano la morte del grande Poeta avendo egli assistito ed in qualche modo avendo preso parte alla spedizione di alcuni elementi a cui era stato comandato di ucciderlo.

Pelosi, nel 1975 era il classico ragazzo di vita e per giunta aveva un fisico gracile tanto da essere soprannominato “Pino la rana”, contrariamente al fisico atletico e forte di Pasolini.

La morte di Pasolini è circondata da una serie di “segreti di Pulcinella” che però avevano bisogno della conferma di chi, da quella notte tra il 1° e 2 Novembre del 1975 avrebbe cambiato la sua posizione economica perché lautamente pagato dai veri assassini e mandanti a condizione che se ne fosse assunta tutta la responsabilità e che non avesse mai detto a nessuno di quella notte, a costo di caricarsi di una pena piuttosto lunga.

Così è stato, Pino la rana si è portato nella tomba il segreto, e la morte di Pier Paolo Pasolini resterà per sempre avvolta dalle solite nebbie di stato, tanto la terra copre tutto.

Presto

Anche noi saremo

perduti in fondo a questo fresco

pezzo di terra: ma non sarà una quiete

la nostra,  ché si mescola in essa

troppo una vita che non ha avuto meta.

Avremo un silenzio stento e povero,

un sonno doloroso, che non reca

dolcezza e pace

ma nostalgia

e rimprovero.

Pier Paolo Pasolini

 

 


Fine modulo