Il SudEst

Thursday
Apr 19th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

La Domenica sportiva

Email Stampa PDF

di NICOLO' AMORUSO

UNGHERIA TERRA FELICE PER LO SPORT ITALIANO!
Doppietta Ferrari sul circuito dell’Hungaroring e tante medaglie per gli atleti del nuoto nei Mondiali


 

 


In questo weekend, l’Ungheria è stata terra di conquiste per l’Italia.
In una gara epica, in un duello serrato con le Mercedes, le Ferrari hanno fatto doppietta sul circuito dell’Hungaroring. Le altre soddisfazioni per lo sport tricolore sono arrivate da Budapest dai mondiali di nuoto. La capitale magiara, famosa per le terme e le sue acque, ha regalato tante medaglie agli atleti italiani.

F1 – Vettel su Ferrari vince il GP d’Ungheria e prima della sosta estiva consolida il primato solitario in testa al mondiale. Il GP magiaro è stato un Gran Premio al cardiopalma, non tanto per i sorpassi, infatti, le posizioni sono state congelate fin dai primi giri, ma soprattutto per la guerra di strategie e di nervi tra le Ferrari e le Mercedes, le rivali di questo mondiale. Alla fine dei settanta giri, Vettel e Raikkonen hanno trionfato nel duello con le Mercedes e hanno tagliato il traguardo per primi sotto la bandiera a scacchi.
Nelle libere, la Ferrari ha mostrato di avere qualcosa in più rispetto alle Mercedes su questo circuito. Infatti, nelle qualifiche del sabato, i due piloti di Maranello hanno conquistato la prima fila. 
Nella gara della domenica, le due Ferrari sono partite bene e hanno difeso la loro posizione, dietro di loro, Verstappen ha toccato Ricciardo. Incidente sfortunato per il pilota australiano che è stato costretto al ritiro. Manovra azzardata tra i due compagni di squadra.
Dopo questo tamponamento, è entrata la Safety Car.
Dopo il regime di sicurezza, Vettel e Raikkonen con un miglior passo gara hanno allontanato le Mercedes ma al 25° panico per la Scuderia di Maranello. Vettel ha un problema al volante. Lo sterzo sul rettilineo tende a spostarsi verso sinistra, modificando anche la traiettoria dell’auto. I meccanici non possono far nulla, Vettel compie un miracolo, guida anche con lo sterzo rotto. Dopo la prima sosta e unica sosta del Gran Premio, le Ferrari rimangono in testa ma da dietro le Mercedes, complice il problema di Vettel, si riportavano sotto. Infatti, dopo pochi giri, le due Mercedes si sono attaccate alle Ferrari. A quel punto, Bottas ha ceduto la posizione ad Hamilton, per cercare il sorpasso nei confronti di Raikkonen e guadagnare qualche punto in ottica mondiale. Il pilota inglese ha tallonato per circa 20 giri la Ferrari di Raikkonen che da scudiero ha difeso il suo compagno di squadra. Alla fine dei 70 giri, la Ferrari di Vettel, anche con il problema al volante, è riuscita ad aggiudicarsi la gara. Dietro di lui, Raikkonen autore di una gara superlativa, in difesa, a respingere gli attacchi di Hamilton. Sul terzo gradino del podio è terminato Bottas, Hamilton ha riceduto la posizione. Con questi risultati, Vettel ha guadagnato 14 punti su Lewis Hamilton nella classifica piloti.

NUOTO - L’acqua di Budapest porta bene all’Italia. Tantissime le medaglie conquistate dagli atleti italiani in questa edizioni dei mondiali. L’ultima in ordine di tempo se l’è aggiudicata Paltrinieri nella gara più lunga in piscina, ovvero, i 1500 metri stile libero. Ottima prova per l’atleta di Carpi che solo nelle ultime vasche ha avuto la meglio dell’ucraino. Un’altra medaglia d’oro è stata conquistata da Federica Pellegrini. La divina ha entusiasmato nella gara dei 200 stile libero. Infatti, alla virata dei 150 mt, l’atleta italiana era in quarta posizione, con uno scatto e una potenza incredibile, la Pellegrini ha superato tutte le sue avversarie e ha toccato per prima contro il muro della piscina del Cubo a Budapest.
De Rose ha conquistato la medaglia di bronzo con i tuffi dalle grandi altezze. Prima medaglia in questa disciplina per l’Italia.
Alla fine dei mondiali, l’Italia ha chiuso in sesta posizione con ben 16 medaglie: 4 ori, 3 argenti e 9 bronzi.