Il SudEst

Sunday
Jan 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Il Bonus per l’asilo nido: uguale per ricchi e poveri

Email Stampa PDF

 


di ROSA MANNETTA

Un’altra vergogna tutta italiana


In questi giorni, si parla del Bonus Asilo Nido 2017. Tutti i chiarimenti su requisiti e modalità di presentazione delle domande per richiedere i 1000 euro, per la retta del nido, sono da ricercare nella circolare Inps del 23 maggio 2017. L’assegnazione del Bonus, non è legata al reddito familiare. Chiunque abbia un figlio nato o adottato dopo il 1 gennaio 2016, può accedere al suddetto bonus fiscale. E al bar Maracuja, dove di solito faccio le interviste, davanti ad un caffè freddo, chiedo a Marica: “Che ne pensi di questo Bonus?”. Marica dice: “Non mi piace l’erogazione di questo Bonus. Non mi piace che non sia necessario rispettare determinati requisiti di reddito e che, quindi, tutti possano fare richiesta per avere i 1000 euro. In pratica, chiunque ricco o povero, può avere il bonus. Faccio un esempio: una imprenditrice, può fare domanda se ha un figlio nato dopo il 1 gennaio 2016. Una signora che fa un lavoro precario, può fare domanda. Mi sembra che qualcosa non funzioni. Ma anche l’idea del bonus, è fuori luogo. Perché usare il bonus per incentivare le donne italiane a procreare? Ci sono nel nostro Paese, le condizioni per far nascere i figli? Dalla metà degli anni ottanta ad oggi, in Italia non sono mai state avviate delle politiche a favore della famiglie. In altri paesi europei le politiche demografiche, sono stati realizzate dal 1980: un esempio è la Francia. In Francia, si iniziò a dare un assegno mensile alle donne che avevano tre figli e che potevano stare a casa, per due anni. La Francia è il paese europeo che ha il più alto tasso di natalità”. Marica ha detto cose giuste. Il problema del decremento demografico non si risolve con gli incentivi economici. Diciamolo: servono dei mutamenti sistemici, servono politiche che favoriscano l’occupazione dei giovani. La questione demografica è una questione di rinnovamento della società. Il dramma è questo: se i giovani non hanno un lavoro, come fanno ad avere dei figli? E può bastare il Bonus Asilo Nido? Un Bonus che possono “avere tutti, sia i ricchi che i poveri”. Ridicolo il Bonus, ridicola l’iniziativa politica. Leonardo Sciascia scriveva: “Le cose vere cominciano ad essere delle menzogne”. E viviamo nella menzogna.