Il SudEst

Thursday
Aug 16th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

A Gravina, di scena i neonazisti!

Email Stampa PDF

 

 


Comitato Antifascista

Il 24 giugno a Gravina in Puglia è prevista ‒ per iniziativa di “Progetto Enclave”,

emanazione dell’associazione «Fiume Basso» ‒ la presentazione di un libro di Stefano Del Miglio, presidente di «Lealtà Azione».

Già in una lettera indirizzata, nello scorso mese di aprile, al Sindaco di Gravina, al Prefetto e al Questore di Bari, i dirigenti provinciali dell’ANPI, dell’ARCI e della CGIL avevano richiamato l’attenzione sul carattere palesemente neofascista di quelle aggregazioni: carattere di cui la presenza di Del Miglio, in qualità di “ospite d’onore”, alla manifestazione del 24 costituisce una eloquente conferma. Del Miglio è infatti un noto pregiudicato di proclamata fede nazista, che si è segnalato fin dal 2001 per aggressioni contro studenti di colore e giovani di diverso orientamento politico, nonché per il tentativo di devastare un centro sociale, e che ha subito due diverse condanne penali: per tentato furto prima, e poi per lesioni personali volontarie.

Un'altra presentazione del libro in Puglia è prevista il 23 giugno a Melissano, dove le forze antifasciste della città e della provincia hanno già rivolto alle autorità comunali e al prefetto una ferma protesta, programmando inoltre una manifestazione per ribadire la difesa dei valori democratici e costituzionali

Il Comitato antifascista regionale di Puglia rinnova perciò il suo appello alle istituzioni locali e alle autorità di pubblica sicurezza affinché esercitino appieno i loro poteri di vigilanza e di controllo sulle attività dei gruppi neofascisti gravinesi, tanto più intollerabili e oggettivamente pericolose perché hanno come teatro una città dalle solide e gloriose tradizioni democratiche e antifasciste. Al contempo, invita le forze politiche, le organizzazioni sociali e l’opinione pubblica cittadina a isolare coloro che tentano di diffondere una ideologia barbara, responsabile di orrendi crimini contro l’umanità, e a contrastare civilmente ma con fermezza ogni rigurgito squadristico.