Il SudEst

Sunday
Jan 21st
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Archivio articoli

Storie e storiacce di nera/ Il pallone insanguinato, la tragedia dell'Heysel

Email Stampa PDF

di PIERDOMENICO CORTE

Winston Churchill disse che gli italiani considerano la guerra come una partita di calcio e il calcio come una guerra. Affermazione, per alcuni aspetti, profetica nell'accostare calcio e guerra. Nel 1985 l'Italia e l'Europa, hanno assistito ad una partita di calcio che si è trasformata in una guerra. Con un pesante bilancio di vittime. Il 29 maggio 1985 si gioca allo stadio Heysel di Bruxelles, la finale di Coppa Campioni tra Juventus e Liverpool. Una partita molto sentita. Il Liverpool aveva vinto l'anno precedente la coppa battendo la Roma, la Juventus puntava a vincere la prima Coppa Campioni. Allo stadio Heysel arrivano migliaia di tifosi inglesi e italiani. La tifoseria inglese è conosciuta per la violenza negli scontri con le altre tifoserie. La tifoseria organizzata del Liverpool viene sistemata nei settori X e Y, mentre la tifoseria organizzata della Juventus viene sistemata nei settori M-N-O della curva opposta a quella dei tifosi inglesi. Le autorità provvedono, quindi, a separare le due tifoserie organizzate. Ci sono, però, migliaia di tifosi italiani e non, che hanno autonomamente comprato il biglietto. Questi tifosi vengono sistemati nel settore Z, separato da due basse reti metalliche e 5 poliziotti dalla curva dei tifosi inglesi. Un'ora prima della partita gli hooligans, la parte più violenta dei tifosi inglesi, sfondano la recinzione e si riversano nel settore Z. Le forze dell'ordine sono di numero insufficiente e scarsamente preparate. I tifosi seduti sugli spalti del settore Z vedono gli hooligans e provano a fuggire verso il terreno di gioco. Vengono però respinti dalla polizia belga. Sono costretti, quindi, ad ammassarsi contro il muro opposto al settore occupato dai tifosi del Liverpool. Il muro non regge il troppo peso e crolla. Molte persone muoiono schiacciate dal crollo, altre perdono la vita calpestate dalla folla. I soccorsi arrivano in ritardo. Il bilancio è di 39 morti, di cui 32 italiani, e 600 feriti.  E la partita? Dopo un'ora e mezzo di rinvio e molte discussioni, si decide di giocarla per motivi di ordine pubblico. Bruno Pizzul durante la telecronaca disse “Questa non è più la finale di Coppa Campioni ma una partita giocata per esigenze di ordine pubblico “. Anni dopo l'arbitro dell'incontro, lo svizzero André Daina, dichiarò “Il mio obiettivo era di evitare assolutamente che scoppiassero degli altri scontri...Certo, l'incontro non rivestiva più la stessa importanza e sapevo che nessuno si sarebbe ricordato di quanto sarebbe successo in campo “. Si sbagliava, molti ricordano ancora cosa è successo in campo. La Juve vince la partita e la Coppa Campioni. Molte furono le polemiche per l'esultanza dei calciatori della Juve alla fine della partita. Bisogna, però, considerare che i calciatori avevano informazioni parziali, inoltre molta era la confusione. Dopo i fatti dell'Heysel le squadre inglesi, su richiesta del governo inglese , vennero escluse per alcuni anni dalle coppe europee. Venne affrontato anche il problema della sicurezza negli stadi. La tragedia dell'Heysel è tornata attuale in questi giorni, dopo quanto accaduto in Piazza San Carlo a Torino. Migliaia di persone stavano vedendo la finale di Cardiff tra Juve e Real Madrid. Poi qualcosa o qualcuno provoca il panico. La gente inizia a fuggire, le persone cadono e vengono calpestate o si feriscono sui cocci di vetro delle bottiglie che non dovevano essere vendute in Piazza San Carlo. Il bilancio è di 1527 feriti. Lo sport è, dai tempi della prima Olimpiade , strumento per diffondere fratellanza e valori positivi. La supremazia delle nazioni dovrebbe essere decisa solo sui campi di gioco e non sui campi di battaglia. I fatti dell'Heysel dimostrano che una partita di calcio può diventare una guerra. Per evitarlo basterebbe ricordare  quando da bambini correvamo dietro ad un pallone. Innocenti e felici.

Foto tratta dal sito www.curiosando708090.altervista.org